Il film da vedere stasera, 7 agosto – L’ultimo inquisitore

L’ultimo inquisitore - Locandina
L’ultimo inquisitore – Locandina

Buongiorno amici! Vi va un tuffo nel passato e precisamente nel 1792? andiamo allora in Spagna, con il film L’ultimo inquisitore (2006) del regista ceco Miloš Forman (Qualcuno volò sul nido del cuculoMan on the Moon) con Javier Bardem, Natalie Portman e Stellan Skarsgård.

Trama del film

Spagna, anno 1792. Francisco Goya (Stellan Skarsgård) è ormai diventato non solo un importante pittore, ma il pittore ufficiale di corte e pertanto sta dipingendo i ritratti della Regina Maria Luisa di Borbone-Parma. Oltre che dalla famiglia reale, accetta commissioni per ritrarre nel suo studio, tra gli altri, anche l’inquisitore Lorenzo Casamares (Javier Bardem) e Inés Bilbatúa (Natalie Portman) , giovane e bella figlia del ricco mercante Tomás Bilbatúa, che per l’artista rappresenta una sorta di musa ispiratrice.

È proprio nella casa del pittore che Lorenzo, mentre posa, vede Inés per la prima volta e chiede notizie di lei. Nonostante questa sua grande celebrità però, i vertici della Chiesa di Spagna cominciano a preoccuparsi e a vedere con forte sospetto ciò che Goya raffigura nelle sue famose incisioni, ritenendole opere malvagie.

Avviene così che Inés, venendo vista da un inquisitore rifiutare di mangiare della carne di maiale in una taverna, è portata al cospetto dell’Inquisizione spagnola e accusata di praticare segretamente il giudaismo: inizialmente la giovane nega, ma poi, inflittale più volte l’atroce tortura detta della corda (detta in gergo anche la strappata o strappado), ammette ciò di cui viene incolpata, nonostante l’evidente falsità dell’accusa, nella speranza di potersi discolpare al processo.

È il 1808, Napoleone Bonaparte invade la Spagna, dichiara abolito il processo inquisitorio e pone in libertà tutte le persone imprigionate per volere della Chiesa. Inés è finalmente scarcerata, ma il suo fisico è profondamente provato e sfigurato dai lunghi anni di prigionia e la sua mente è sconvolta ai limiti della pazzia.

Tra la confusione, le razzie e le violenze portate dal passaggio delle soldataglie napoleoniche, Inés raggiunge, lacera e sporca, la casa paterna e scopre che tutti i membri della sua famiglia sono stati uccisi durante il saccheggio della città. L’unica persona che può aiutarla ora è Goya. Riconosciuta a fatica ed ospitata nella sua casa, Inés confessa al pittore di aver partorito una bambina, poi subito sottrattale, durante la sua lunga e terribile prigionia ed afferma che il padre della bimba è frate Lorenzo che aveva approfittato di lei, ma di cui ella appare anche molto innamorata…

Appuntamento alle ore 21.00 su Iris (canale 22).

Alcune curiosità sul film

  • Forman avrebbe richiesto di investire alla sua produzione, previo accordo con le autorità locali, 360.000 $ per restaurare la facciata del palazzo a Madrid scelto come location per girare il film.
  • Il regista ha più volte paragonato i tempi bui dell’inquisizione ai tempi bui del regime nazista e comunista, vissuti entrambe sulla sua pelle.

Gli attori protagonisti

Javier Bardem
Javier Bardem

Javier Ángel Encinas Bardem è nato a Las Palmas de Gran Canaria (Spagna), il 1º marzo 1969 (47 anni).

Figlio d’arte (la madre è un’attrice), prima di intraprendere la carriera artistica, praticò il rugby a 15 nei ruoli di pilone e terza linea (è alto 182 centimetri). È stato candidato tre volte ai Premi Oscar: come miglior attore protagonista per Prima che sia notte e Biutiful e come miglior attore non protagonista per Non è un paese per vecchi, vincendolo per l’ultimo film citato. Ha inoltre vinto un Premio BAFTA, sei Premi Goya, due Coppe Volpi per la migliore interpretazione maschile alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e il Prix d’interprétation masculine al Festival di Cannes. Nel 2012 ha ricevuto la sua stella sulla Hollywood Walk of Fame. In un’intervista al rotocalco GQ si è dichiarato ateo. Il 14 luglio 2010 si è sposato con Penélope Cruz. La coppia ha due figli.

Natalie Portman
Natalie Portman

Natalie Portmannata Natalie Hershlag a Gerusalemme, il 9 giugno 1981. (35 anni).

Nata da padre di origini est europee e madre americana,  Il padre l’ha chiamata “Natalie” in onore della canzone omonima del cantante e compositore francese Gilbert Bécaud.  Parla correntemente l’ebraico e l’inglese, conosce il francese, il tedesco, il giapponese e da alcuni anni si dedica allo studio dell’arabo. Il suo primo ruolo di attrice fu nel film d’azione francese del 1994 Léon. Nel 2005 riceve una nomination agli Oscar come Migliore attrice non protagonista e vince un Golden Globe per la migliore attrice non protagonista per Closer. Nel tardo 2009, sul set de Il cigno nero, conosce il ballerino e coreografo Benjamin Millepied. Nel dicembre 2010 la Portman confermò il loro fidanzamento e la sua gravidanza. La coppia ha quindi avuto un figlio, Aleph, nato nel giugno 2011.

Stellan Skarsgård
Stellan Skarsgård

John Stellan Skarsgård è nato a Göteborg, in Svezia, il 13 giugno 1951 (65 anni).

È noto principalmente per avere interpretato Lewis Tappan in Amistad (1996), il prof. Gerald Lambeu in Will Hunting – Genio ribelle (1997), Cedric in King Arthur (2004), e in particolar modo per il personaggio di “Sputafuoco” Bill Turner nella saga di Pirati dei Caraibi. Nel 1988 ottiene un piccolo ruolo nella produzione americana L’insostenibile leggerezza dell’essere di Philip Kaufman, tratto da un romanzo di Milan Kundera. Nel 2011 interpreta Martin Vanger nella rivisitazione di David Fincher di Millennium – Uomini che odiano le donne, film tratto dall’omonimo romanzo svedese. Dal 1975 al 2007 è stato sposato con la dottoressa My Guenther. La coppia ha avuto sei figli. Nel gennaio 2009 sposa la produttrice Megan Everett (di 25 anni più giovane), da cui ha altri due figli.

Alcune scene tratte dal film

Se avete già visto il film, possiamo suggerirvi come alternativa S.W.A.T. (2003) con Colin Farrel, in onda su Paramount Channel (canale 27) alle 21.10.

Fonti: Wikipedia