Fabio Fazio promosso su Rai Uno. Cosa farà? Tutti i dettagli.

Fabio Fazio Che tempo che fa

Tanto tuonò che piovve!! Eh si, puntare i piedi, per così dire, o l’arte del lamento ha sempre i suoi vantaggi!! Fino a poco tempo Fabio Fazio aveva dichiarato che se la Rai non avesse trovato “utile” la sua presenza avrebbe veleggiato per altri lidi a lui più consoni.

Ebbene pare che le lamentele funzionino perché è di pochi giorni fa la notizia che il CdA Rai ha deciso di rinnovare l’offerta a Fabio Fazio e anche di promuoverlo su Rai Uno.

Fabio Fazio presto a Rai Uno?

La promozione, contenuta nei palinsesti autunnali del servizio pubblico, attende di essere ufficializzata alla stampa (la programmazione verrà presentata a Milano il 28 giugno prossimo). Tuttavia se il popolare conduttore decidesse di rinnovare il suo contratto con la Rai si aprirebbero per lui le porte della rete ammiraglia: Rai Uno.

Forte del successo del suo popolare programma di Rai Tre “Che tempo che fa” si aprirebbe per lui la possibilità di uno spazio alla domenica sempre di sera.
La promozione del popolare presentatore – secondo le indiscrezioni – è una delle novità più interessanti dei palinsesti autunnali di Viale Mazzini presentati  al CdA.

Fabio Fazio pronto a lasciare il servizio pubblico

Prima che si paventasse questa possibilità Fazio aveva più volte dichiarato di essere pronto a lasciare il servizio pubblico qualora la sua presenza non fosse ritenuta un valore. Quindi, può ritenersi soddisfatto di questa possibilità che mamma Rai gli offre: la conduzione di un suo programma su Rai Uno la domenica sempre nella fascia serale ovviamente.

Chissà se Fazio accetterà di rimanere ancora in Rai vista la super offerta? E’ certo che anche il via libera del CdA ai super stipendi per le star oltre i 240mila euro potrebbe essere un motivo valido per rimanere!!

I “Promossi” di Rai Tre

Sul fronte RaiTre, Fazio non è l’unico conduttore ad essere stato “promosso”. Anche il conduttore di <Agorà> Gerardo Greco è stato premiato con la nomina a direttore del Giornale Radio e Radio Uno. Prenderà il posto di Andrea Montanari, che invece sarà il nuovo direttore del TgUno.