Un anno senza Fabrizio Frizzi: il ricordo della Rai e RaiPlay

Fabrizio Frizzi

Ad un anno di distanza dalla morte di Fabrizio Frizzi, la Rai ha deciso di ricordare ed omaggiare il conduttore con una serie di speciali e programmi

La scomparsa di Fabrizio Frizzi ha commosso tutto il mondo dello spettacolo e il pubblico italiano. A distanza di un anno da quel 26 marzo del 2018, la Rai ha deciso di celebrare ed omaggiare uno dei conduttori più amati di sempre. Per l’occasione Frizzi sarà ricordato in diretta durante diversi programmi tv, mentre Raiplay continua a trasmettere programmi cult come “Scommettiamo che…?” e la fiction “Non lasciamoci più”.

La Rai ricorda Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è ancora presente nel pensiero non solo dei suoi amici e colleghi, ma anche in quello del pubblico italiano. La sua prematura scomparsa, a soli 60 anni, ha scosso il mondo dello spettacolo, ma anche la vita del suo pubblico; quel pubblico che seguiva i suoi programmi e che lo considerava “un amico”.

Per questo motivo la Rai ha pensato bene (e giustamente) di ricordare Fabrizio nel giorno della sua scomparsa: il 26 marzo. Così a distanza di un anno, la Rai omaggerà il conduttore dalla risata contagiosa durante la diretta di vari programmi televisivi, mentre su RaiPlay il pubblico potrà riguardare le puntate di “Scommettiamo Che?” e della fiction “Non lasciamoci più“. Intanto amici e colleghi continuano a ricordarlo durante le loro interviste. Recentemente a parlare di Fabrizio è stato Massimo Giletti che, dalla pagine di InFamiglia, ha detto:

Io e Fabrizio siamo cresciuti insieme per me è stato difficile superare il lutto. Lui era una persona per bene, ma questo non è bastato” dice il conduttore di Non è L’Arena, che ha rivelato: “Sia io che lui, abbiamo vissuto dei momenti difficili in Rai.Ricordo la sua sofferenza quando la Rai non lo voleva più. Ad oggi, sono molte le persone che dimenticano quanto accaduto in passato, ma io non dimentico nulla.

Carlo Conti ricorda Fabrizio Frizzi

Anche l’amico e collega Carlo Conti ha voluto ricordare Fabrizio Frizzi. Intervistato ai microfoni di Corriere.it, Conti ha raccontato come la morte di Fabrizio l’abbia spinto a dedicarsi di più alla famiglia. Una decisione che in realtà il conduttore di punta della Rai aveva ponderato ancor prima della scomparsa di Frizzi. La morte di Fabrizio Frizzi l’ha naturalmente spinto ancora di più a mettere in pratica questa idea:

Ho sempre vissuto con grande leggerezza, anche il lavoro, non mi arrabbio mai. Avevo già deciso da quando mi sono sposato e poi ho avuto un figlio di rallentare e dedicare più tempo alla famiglia, perché arrivi a un punto della vita in cui passi dall’io al noi e quindi cambiano le tue priorità. Quello che è successo a Fabrizio mi ha fatto essere ancora più convinto di questa scelta: accelerare nel mio rallentamento.

Avatar for Emanuele Ambrosio
Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here