Malika Ayane, al suo debutto teatrale sarà Evita Peron!

Era il 1996 quando il musical <Evita> debutta sulle scene! L’arduo compito di interpretare le gesta e la vita di Eva Peron, seconda moglie del presidente argentino Juan Peron, fu affidato a Madonna, che non si era mai cimentata in ruoli del genere, e che aveva fatto storcere il naso ai benpensanti che non la ritenevano all’altezza.

Tuttavia, il musical ebbe un successo stratosferico tanto che molti paesi, tra i quali il nostro, lo hanno riproposto, con le musiche di Andrew Lloyd Webber e i testi di Tim Rice.

Eccovi uno stralcio, con la sua canzone più famosa: < Don’t Cry For Me Argentina>(non piangere per me Argentina)

Per la prima volta in italiano la versione di Evita con Malika Ayane

Messo in scena, per la prima volta, totalmente in italiano con protagonista assoluta nel ruolo di Evita, Malika Ayane si cimenta per la prima volta in teatro.Non era un’impresa facile, per il regista Massimo Romeo Piparo che ha avuto l’arduo compito di trasformare un pilastro del genere, da alcuni ritenuto “Untouchable” in un “prodotto” leggero, godibile, a tratti bizzarro ma che non deve dimenticare l’importanza storica del racconto, della  figura politica come quella di Evita, che fu amatissima dal suo popolo!

L’esperimento è riuscito: la versione nostrana di «Evita», superato qualche naturale intoppo dovuto anche alla traduzione italiana cerca in tutti i modi di non perdere la musicalità e la metrica dell’originale:

  • “Don’t cry for me Argentina” diventa “Da ora in poi Argentina”
  • “High flying adored” diventa “Dài, vola più su”

  Quindi il risultato è davvero ottimo se si tiene conto della difficoltà del compito.

Occhi puntati soprattutto su Malika che oltre ad interpretare con garbo e sobrietà l’eroina Evita, porta in scena anche la sua personalità musicale riuscendo a catturare l’attenzione del pubblico, cercando di avvicinare  al teatro anche quei giovanissimi che un’artista pop come la Ayane può catturare.

Malika è una Evita impeccabile, raffinata e precisa dove l’espressione musicale è massima nel brano “You Must Love Me” che Evita /Malika canta prima di morire, caricando la scena di una tensione emotiva non indifferente.

Il brano scritto da  Webber e Rice  apposta per la versione cinematografica gli valse un Oscar.

Accanto a Malika Ayane  un cast di professionisti

  • 40 persone tra gli attori e gli orchestrali diretti da Emanuele Friello
  • uno straordinario Peron interpretato da  Enrico Bernardi 
  • soprattutto,un appunto particolare per  Filippo Strocchi nei panni del Che, il narratore «morale» dello spettacolo che nel musical con Madonna era impersonato da Antonio Banderas.
  •  le scenografie affidate a  Teresa Caruso,  sopperiscono ai limiti del palco con alcuni ingegnosi trucchi di scena e diverse proiezioni di filmati storici
<Evita>nella versione italiana convince e piace

Evita è uno spettacolo che ha segnato la storia della cultura pop: non era facile essere all’altezza di una tale, sproporzionata fama.

Questa versione italiana, pur conscia dei propri limiti mostra coraggio portando in scena la professionalità del musical italiano al servizio di una produzione intelligente, con una protagonista che ha trovato la giusta misura tra la sua identità artistica e la storia di Evita!

Brava Malika Ayane!!

Le date del tour di Evita

  • Milano, Teatro della Luna: dal 9 al 27 novembre
  • Genova, Teatro Politeama: dal 29 novembre al 4 dicembre
  • Firenze, Teatro Verdi: dal 6 all’11 dicembre
  • Roma, Teatro Sistina: dal 14 dicembre al 15 gennaio 2017
  • Trieste, Teatro Rossetti: dal 18 al 22 gennaio 2017
CONDIVIDI
Articolo precedenteReign, Serie Tv su Rai 4!
Prossimo articoloProgrammazione tv – prima serata – 17 novembre 2016
mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..