Le Iene del 21 maggio: Blue Whale, Belen, il paese senza sindaco, l’ambulanza della “morte”, tra i tanti servizi.

le iene

Nuovo appuntamento con la puntata domenicale delle Iene, ieri 21 maggio. Alla conduzione ieri insieme a Nadia Toffa, i colleghi Andrea Agresti, Paolo Calabresi, Giulio Golia e Matteo Viviani.

Come sempre tanti i servizi proposti, sempre molto interessanti. Alle Iene si passa da momenti in cui si ride e goliardici, ad altri di una drammaticità impressionante.

Vediamo quali abbiamo scelto per voi.

Le Iene da ridere: Belen Rodriguez, gli scherzi a Pupo e a Giuliano Sangiorgi

Divertente il siparietto in cui la showgirl Belen Rodriguez ha incontrato una sua hater accanita per cercare di riappacificarsi. La ragazza quotidianamente rivolgeva ingiurie pesanti a Belen tramite Facebook. Da lì la decisione di incontrarla di persona. Alla fine tutto è finito a “tarallucci e vino”. L’argentina ne è uscita bene, un po’ meno la ragazza. Eccovi il link al servizio.

Sono stati mandati in onda due scherzi fatti uno a Pupo ed uno al leader dei Negramaro, Giuliano Sangiorgi. Dei due sicuramente il più comico ed il più riuscito è stato quello ai danni di Pupo.

Il cantante ci “è caduto con tutte le scarpe”, vittima di un imitatore spacciatosi per Christian De Sica. Sangiorgi ha scoperto di essere vittima di una candid camera dopo poco, ciò ha influito sulla riuscita dello scherzo. Eccovi il link al servizio.

Le Iene utili: il servizio sull’inquinamento, l’appello di un ragazzo vittima di una bufala

Interessante l’approfondimento di Luigi Pelazza sul pericolo inquinamento provocato dalle autovetture. Incredibile la vicenda di un ragazzo rimasto vittima di una bufala che rischia di rovinargli la vita.

Qualcuno ha fatto girare su Facebook la notizia che lui sia un pedofilo e da lì è iniziato il suo calvario. A parlarne Dino Giarrusso.

Molto toccante la vicenda accaduta a Cristian Provvisionato, da poco liberato dopo 21 mesi di prigione in Mauritania.

Il suo racconto è stato raccolto dalla iena Trincia ed ha dell’assurdo.

Si torna a palare di “Blue Whale” con Matteo Viviani

Il Blue Whale, il terribile gioco che sta coinvolgendo migliaia di ragazzini in tuto il mondo è tornato ad occupare la trasmissione. Come vi avevamo descritto in un precedente articolo, questo “infame” rito si sta diffondendo sempre più,

La polizia ha dunque voluto dettare alcune importantissime regola da seguire per i genitori, gli amici che sospettino un coinvolgimento nella  rete. Anche in alcune scuole è stato mostrato il primo servizio sul “Blue Whale”, riproposto poi anche ieri sera a fine serata.

Qui il servizio di Matteo Viviani andato in onda ieri sera.

Il paese senza sindaco e l’ambulanza della morte

Le Iene hanno proposto il servizio di Giulio Golia dedicato a San Luca, un paese della Locride dove da tantissimo tempo non si vota più in quanto manca il sindaco e nessuno si candida per ricoprire questo ruolo.

Il motivo è presto detto: la mafia, le cosche e la ‘ndrangheta non permettono di ricoprire tale funzione e tantomeno di dedicarsi alle elezioni dal momento che nessuno vota e nessuno si candida.

Davvero incredibile. Eccovi il video se lo volete vedere

Agghiacciante invece la storia raccontata dalla iena Roberta Rei su un’ambulanza definita “della morte.” In un paese non identificato, esiste un giro che gravita attorno alle morti di pazienti ormai terminali con il solo scopo di accaparrarsi il funerale. Ciò che è incredibile è che questi malati vengano uccisi direttamente su una ambulanza privata, iniettando aria nella siringa. Come si può immaginare, dietro c’è un boss che dirige tutto.

Qui il link del servizio sull’ambulanza della morte.

CONDIVIDI