Anna Karenina in trasposizione cinematografica del 2012

La seconda serata di Canale 5 ci riserva la più recente trasposizione cinematografica del tormentato amore adulterino tratto dall’omonimo romanzo di Lev Tolstoj­.

Il personaggio di Anna Karenina, questa volta interpretato da Keira Knightley, ritrae una donna aristocratica russa del XIX secolo, moglie dell’ufficiale Aleksei Karenin (Jude Law) e madre di Sereza.

Il tradimento consumato nella casa del fratello di Anna induce quest’ultima a recarsi nella capitale russa, nella speranza di riuscire a dissuadere sua cognata dal lasciare il marito.

Sarà in occasione del viaggio in treno da San Pietroburgo a Mosca che scatterà la scintilla tra la Karenina ed il Conte Vronsky (Aaron Johnson), ufficiale anch’esso e figlio della Contessa Vronskaja.

Anna respinge le sfacciate attenzioni manifestate dalla sua nuova conoscenza, soprattutto dopo aver saputo che Kitty, sorella minore di sua cognata, è segretamente innamorata del Conte Vronsky e spera che sia lui a chiedere la sua mano.

Temendo che la sua presenza possa danneggiare il futuro di Kitty, Anna decide di tornare a San Pietroburgo, ma dopo esser stata raggiunta sul treno dall’ostinato Vronsky, la Karenina cede al corteggiamento del Conte.

La Karenina verrà emarginata dai salotti russi più rinomati, soprattutto quando, a seguito della caduta da cavallo di Vronsky, la donna paleserà a tutti – marito compreso – i suoi sentimenti per l’amante.

Karenin, offeso dalle scelte amorose dell’adultera, le impedisce di vedere il piccolo Sereza, ma quando scoprirà che la moglie aspetta un figlio e, date le complicazioni del parto, rischia di perdere la vita, perdonerà entrambi.

Il tempo passa, ed Anna è sempre più accecata dall’amore clandestino per il Conte, al punto da esternare un’esasperata gelosia che incrinerà l’idillio dei due amanti.

Per rivivere il celebre romanzo di Tolstoj e deliziare gli occhi con gli splendidi costumi di Jacqueline Durran, sintonizzatevi su Canale 5 questa sera, alle 23:20.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteItalia’s Got Talent: la semifinale, ecco com’è andata
Prossimo articoloNon dirlo al mio capo – V episodio – “La vita che verrà”
mm
Sono una web writer in erba ed un'aspirante copywriter. Da sempre subisco il fascino delle parole in tutte le sue forme: forse non è un caso che il mio nome (Eufemia, dal greco “ eu phemì ” = colei che parla bene) contenga un verbo che significa 'parlare, dire, raccontare, etc'. Scrivere, infatti, rappresenta una delle mie più grandi passioni assieme al canto, alla musica ed ai viaggi. Sono una vera divoratrice di pellicole cinematografiche, amo i ‘courtroom drama’ - i film che si svolgono prevalentemente nelle aule di giustizia - e tutti i thriller. Per me, attori come Al Pacino, Robert De Niro e Jack Nicholson sono mostri sacri del cinema. Le serie tv che non smetterei mai di rivedere, invece, sono ‘Gomorra’, ‘How to get away with murder’ e ‘Lie to me’ (anche se vorrei trovare il tempo per vedere ‘House of cards’ e ‘Mad Men’).