Sicario: cast, trama, recensione e opinioni sul film

sicario film

Sicario non è una pellicola come tante altre. Non si tratta del solito film d’azione, della solita ‘americanata’ in senso dispregiativo. Denis Villeneuve ha diretto molto abilmente, arrivando a superarsi, un film di denuncia. Il regista di Blade Runner 2049 si è scagliato contro l’America e la sua volontà di controllare tutto e tutti a discapito di qualsiasi ideale. Grazie anche alla straordinaria interpretazione di Emily Blunt e Benicio del Toro il film risulta essere davvero imperdibile.

Sicario, film: cast e trama della pellicola

Sicario è un film d’azione uscito nelle sale nel 2015 che è stato diretto da Denis Villeneuve. Nel cast vi sono: Emily Blunt, Benicio del Toro, Josh Brolin, Victor Garber, Jon Bernthal e Daniel Kaluuya.

Trama

Al confine tra Stati Uniti e Messico, in un lembo di terra sperduto dove sembra che non esista la legge, Kate, un’agente dell’FBI fin troppo idealista, ma anche molto coraggiosa, viene arruolata da un agente del governo in una task force d’elite per sconfiggere il traffico di droga. La missione, alquanto nobile, si dimostra essere una delle più rischiose. I narcotrafficanti, infatti, non fanno sconti a nessuno.

Guidati da un consulente dal passato discutibile, la squadra di eletti parte dunque per una missione segreta. Kate è costretta a mettere in discussione tutto ciò in cui crede e a rivedere le sue priorità. Quando sopravvivere diventa lo scopo primario della missione, infatti, gli ideali perdono di importanza ed emerge una nuova forza interiore che spinge l’agente a comportarsi diversamente da come avrebbe anche solo immaginato di fare.

Dopo l’imboscata rivelatrice a cui Kate ha preso parte, il lavoro di ricerca e cattura degli artefici di tale orrore si dimostra una impresa impossibile per un agente tutto d’un pezzo come lei. La discesa agli inferi fa emergere la volontà degli Usa di mantenere il controllo ad ogni costo

Recensione ed opinioni sul Film: i consigli

Primo motivo per guardare questo film? La bravura del regista e del cast di attori scelti. Secondo motivo? La pellicola ha ottenuto ben 3 candidature ai Premi Oscar e 2 candidature a BAFTA.

Più in generale se vi ritenete esperti di cinema o quantomeno amanti del settore, Sicario è un film che non potete non guardare. La pellicola deve far parte del vostro bagaglio culturale così come Blade Runner.

Villeneuve ha superato sé stesso. Il regista ha ribadito concetti espressi già in altre sue pellicole, ma gli ha ancor più estremizzati inasprendo così la sua critica all’America. Lo spettatore si scontra così con qualcosa che forse non avrebbe mai voluto vedere.

L’incapacità di tener tutto sotto controllo, l’impossibilità di proteggere i propri figli o i propri cari è però anche una delle maggiori paure dell’uomo. Senza mezzi termini il regista pone tutti gli spettatori faccia a faccia con la realtà. La discesa agli inferi è l’unico modo per evitare di continuare a girare la faccia dall’altra parte pensando che le cose non accadano realmente e che il mondo sia un posto favoloso dove regnano ordine e pulizia, ma soprattutto buoni sentimenti. Insomma con questo film sparisce completamente l’illusione che il caos non esista.

La difficoltà di girare questo film non ha fermato Villeneuve che è riuscito al meglio a dipanare ogni matassa e a tener l’attenzione alta per tutta la durata della pellicola. Non è facile dirigere un film così intricato dove il confine fra bene e male è molto labile. Non è facile nemmeno, quando si ha a che fare con un genere di denuncia di questo tipo, riuscir a far passare il proprio messaggio forte e chiaro senza creare confusione.

L’interpretazione di Benicio del Toro è spettacolare. L’attore è riuscito ad essere asciutto ed espressivo allo stesso tempo. Il suo personaggio arriva agli spettatori e regala un vero e proprio pugno nello stomaco. L’intensità dell’attore vale, da sola, il biglietto pagato per vedere il film.

mm
Sono una giornalista pubblicista e amo la televisione, anche i programmi trash. Una mia prof del liceo mi ha insegnato che bisogna avere la mente aperta e guardare sempre tutto. C’è un tempo per ogni cosa: un tempo per  un bel documentario, un tempo per un talk polito e un tempo per Gemma e Giorgio o il GF Vip.   Potrei riguardare all'infinito le puntate di Grey’s Anatomy e Una Mamma per amica. Divisa fra Emilia Romagna e Abruzzo, amo viaggiare e scoprire piccoli angoli di Paradiso anche se il mio habitat naturale è la spiaggia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here