Pino è – Il popolo del web in rivolta contro gli artisti che hanno omaggiato Pino Daniele

Pino Daniele - Pino è - Rai 1

Nella serata di giovedì 7 giugno, in diretta dallo Stadio San Paolo di Napoli, è andato in onda il concerto-tributo a Pino Daniele. L’evento, dal titolo Pino è, ha voluto omaggiare il grande cantautore napoletano scomparso nel gennaio del 2015. Ma, oltre ai commenti positivi sulle esibizioni, ci sono state altrettante critiche negative, una vera e propria rivolta del popolo del web. E non solo. Ad un certo punto, anche il pubblico dello stadio è insorto: il monologo di Enrico Brignano non è stato per niente gradito.

Potrebbe interessarti: Gli ascolti del 7 giugno.

Pino è: per molti non un omaggio, ma un insulto a Pino Daniele

Sono stati tantissimi i colleghi e amici di Pino Daniele saliti sul palco dello Stadio San Paolo di Napoli per omaggiare il re del blues. Da Emma Marrone, a Biagio Antonacci, a Claudio Baglioni, a Giorgia, solo per citarne qualcuno.

Ma qualcosa è andato storto. Molti spettatori fan del cantautore non hanno gradito questo tributo che, a detta loro, avrebbe fatto rivoltare nella tomba il povero Pino! Perchè tanto astio nei confronti di quella che doveva essere (e che, precisiamo, per molti altri è stata) una splendida occasione per ricordare Pino Daniele?

Pare che alcuni artisti abbiano stonato in diverse strofe, altri non abbiano cantato in perfetto napoletano, altri si siano esibiti in performance troppo “personali”. Insomma, chi più ne ha più ne metta!

Pino è, i commenti (negativi) sui social

Ma andiamo a curiosare tra i commenti pervenuti sui social network. Da quelli ironici e più “soft” a quelli decisamente cattivi.

Qualcuno, sotto una foto seria di Pino Daniele, scrive: Mò basta guagliù, M’ata accise tutte ‘e canzoni mie. Un altro, riferendosi all’esibizione di Biagio Antonacci, dice: Un grazie di cuore a Biagio Antonacci che ha ‘nguaiat nu’ Dio ‘e piezz!

E poi ancora: Quello che sta succedendo al San Paolo in questo momento è tutto fuorché musica; Ma proprio siete sicuri che gli volete bene a Pino Daniele? e, contro Eros, Se fossi Pino Daniele risorgerei per fare una paliata a Ramazzotti!

Emma viene definita “la ciarlatana della canzone italiana“, l’esibizione di Ornella Vanoni con Tiromancinouno strazio“. Sulle note di Anna verrà, Gianna Nannini canta “…e allora sì ti cercherei forse per sognare ancora…” e un utente aggiunge “o forse per picchiarti… non lo sai” seguito dall’hashtag #pinoperdonali.

Ancora Nannini, stavolta con Elisa col brano Je so’ pazzo. Le critiche sono per entrambe: per Elisa “Troppe urla. Inutili. Peccato” e per Gianna “Se non cantasse sarebbe meglio, poi le canzoni di Pino se la Nannini le lasciasse perdere farebbe una gran cosa”, oltre che “Se Gianna Nannini avesse imparato il testo (l’ho sentita farfugliare qualcosa ad un certo punto) ed Elisa smettesse di urlare…

Pino è: A me me piace o’ blues interrotta a metà

Momento clou della serata, il duetto di Eros Ramazzotti e Jovanotti che, mentre intonano A me me piace o’ blues, vengono interrotti dalla pubblicità! Proprio così, la Rai ha mandato inspiegabilmente la pubblicità a metà esibizione.

E ovviamente anche qui non sono mancati i commenti (e direi!). Nero a metà …. interrotta dalla pubblicità !!! Senza parole; … Sì ok…però nn si può bruscamente interrompere un brano con la PUBBLICITÀ…Non vi fa onore!!…

Enrico Brignano fischiato dal San Paolo

Lamentele anche per quanto riguarda il monologo di Enrico Brignano. Non sono andate giù le sue parole di raffronto tra Roma e Napoli, il pubblico del San Paolo ha fischiato il comico romano e sul web si legge così: Brignano è venuto al San Paolo per onorare Pino Daniele, ha sparato solo pummarole, sole mozzarella, mare, munnezza, ci ha fatto una schifezza e se nè andato.

E ancora: Brignano stasera ha rischiato seriamente le mazzate.

Lo straordinario talento di Brignano che riesce a farsi fischiare in una sera così. Un testo imbarazzante. Ma va perdonato.

Il commento di Gabriele Parpiglia

A favore del concerto-tributo a Pino Daniele è intervenuto Gabriele Parpiglia, che ai “criticoni” non le manda a dire! Ecco cosa scrive stamattina il giornalista:

Conclusioni

Beh, devo ammetterlo: alcune esibizioni hanno lasciato un pò di amaro in bocca, e qualche stonatura è stata davvero evidente! Però sono anche convinta che abbia predominato l’emozione del ricordo di Pino, e che amici e colleghi abbiano fatto un bel gesto organizzando e partecipando a questo evento… Certo però, andava organizzato meglio!

Nota molto negativa poi, la brusca interruzione pubblicitaria! Quella non si può proprio perdonare!

Termino con un’opinione, mia e di tanti: certe canzoni meglio lasciarle stare, perchè possono essere interpretate solo dai loro “papà”.

E aggiungo che si dimentica il vero motivo dell’evento che, oltre al ricordo ad un grande artista quale Pino Daniele, è stato quello di raccogliere dei fondi destinati ad associazioni onlus.

E voi? Avete seguito Pino è? Come vi è sembrato? Scriveteci i vostri commenti!