Gerry Scotti, il successo e i record: “Non mi piace sentirmi superiore a nessuno”

Gerry Scotti

Intervistato da Sorrisi, Gerry Scotti ha parlato del successo dei quiz show e del ritorno di “Chi vuol essere milionario”

Gerry Scotti è uno dei volti più amati del piccolo schermo. Il conduttore televisivo, attualmente impegnato al timone di “Caduta Libera” e come giurato nel talent show “Tu si que Vales“, si è raccontato a Sorrisi tra lavoro, successo e progetti futuri.

Gerry Scotti: “l’ora di cena è il momento dove mi trovo meglio”

Il successo di Gerry Scotti è davvero inarrestabile. Il conduttore televisivo è uno dei personaggi più amati del piccolo schermo e i suoi programmi infrangono record di ascolti. Da Nord a Sud il conduttore riceve quotidianamente messaggi di stima ed affetto da tutti i suoi fan e dai telespettatori. Da diversi anni, infatti, il conduttore arriva puntuale in vide all’ora di cena.

Ritengo che è il momento dove mi trovo meglio, mi sento meglio, e dove la gente mi vede meglio. A quell’ora si capisce se uno è un amico, è un parente, è uno a cui voler bene.

Con queste parole Gerry ha raccontato a Sorrisi come è diventato, nel corso degli anni, il menu preferito dei telespettatori italiani. Del resto proprio la cena rappresenta un momento davvero speciale per il conduttore milanese:

La cena è il momento della mia vita più vero, mi piace raccontare i fatti del giorno, sapere come sono andate le cose alla mia famiglia. Sono abba- stanza fissato con gli orari. Io lavoro tanto, ma alle 20.30 pretendo di avere le gambe sotto il tavolo. Però sa cosa mi stupisce?.

Gerry Scotti e il ritorno di Chi vuole essere milionario

Nato a Pavia e cresciuto alla periferia di Milano, Gerry Scotti riesce ancora a stupirsi quando escono gli ascolti di “Caduta Libera” oppure di “The Wall”, due quiz show portati al successo nella fascia pre-serale di Canale 5. Generalmente il finale di questi giochi a premi è seguito mediamente da 4-5 milioni di telespettatori, numeri importanti che emozionano quasi il conduttore: “Pensare che ci sono tanti italiani lì a guardarti…”. Davvero tanti per Gerry che si distingue nell’intero panorama televisivo italiano come un presentatore alla mano e contrario ai litigi, per intenderci “quelli provocati e sopra le righe che riempiono un po’ tutti i programmi” come ha precisato a Sorrisi.

Per questo motivo il conduttore ha da sempre preferito associare il suo volto a programmi televisivi come i quiz:

Probabilmente il quiz mi ha permesso di essere sopra le parti. Da tempo ho scelto quello che in inglese si chiama “understatement”. Non mi piace sentirmi superiore a nessuno, né ai concorrenti, né agli interlocutori

Intanto per Gerry Scotti dopo la fine di “Caduta Libera” sono in arrivo grandi novità. A cominciare dalla nuova edizione di “The Wall – Il Muro” in partenza dal 19 novembre su Canale 5, mentre per il futuro ha in programma un importante ricordo e qualche nuovo format tv. Sicuramente ci sarà il ritorno di “Chi vuol essere milionario?” come confermato dallo stesso Scotti:

Sì, è vero. Stiamo ufficialmente preparando quattro prime serate esattamente come lo avete sempre visto, seguito e amato, con piccole novità

Si tratta di un’edizione celebrativa per i 20 anni della nascita del format originale “Who wants to be a millionaire?”. L’appuntamento con molta probabilità è per la fine dell’anno e Scotti ha raccontato di essere davvero felice “di riaccendere” un programma che gli ha regalato tantissime soddisfazioni.

Lo riaccendiamo. Prima della fine dell’anno. E non è da poco. In questa tv che celebra i grandi ritorni, per me è una fortuna rievocare una cosa che ho fatto io. A quasi tutti gli altri conduttori è capitato di fare una cosa che prima ha fatto qualcuno che adesso non c’è più

Poi sul finale dell’intervista non nasconde di essere un amante di un altro quiz televisivo anche se è della concorrenza. Si tratta de “L’Eredità” su cui ha detto:

Rendo l’onore della armi al mio più grande avversario. Penso che “L’eredità” abbia nel Dna qualcosa di eccezionale visto che dura da tanti anni ed è passata attraverso così tanti conduttori.

L’appuntamento con Gerry Scotti è tutti i pomeriggi con “Caduta Libera” e dal 19 Novembre con la nuova edizione di “The Wall”!

Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here