Francesco Renga si racconta: “con Ambra pace fatta, per il bene dei nostri figli”

Francesco Renga

E’ ormai di pubblico dominio che il cantante più riccioluto dello stivale, quel figo pazzesco di Francesco Renga e la moglie Ambra Angiolini siano arrivati al capolinea del loro matrimonio.

Già da un pezzo le indiscrezioni su una loro presunta crisi circolavano nel mondo dello spettacolo ma tra smentite e nuovi tentativi di riprendere in mano il rapporto (insomma non si butta alle ortiche un matrimonio, così a cuor leggero) non ci erano state comunicazioni ufficiali.

Adesso è ormai nota la loro separazione

Una separazione intelligente, però, che non ha nulla di quegli odiosi rancori, ricatti, ripicche, e scene orribili di cui ahimè quasi sempre sono spettatori indifesi, i figli.

La coppia ha due figli per l’appunto, Jolanda di 12 anni e Leonardo di 10 e per il loro bene Francesco ed Ambra hanno cercato di dialogare in maniera civile, di venirsi incontro e di gestire al meglio la situazione.

Da persone intelligenti e mature, 48 lui, 40 lei pare ci siano riuscite.

Intervistato da” Gioia” Renga ha dichiarato:

Ambra e io abbiamo avuto l’intelligenza di renderci conto che era arrivato il momento in cui, per non fare implodere la situazione, c’era bisogno di buttare il cuore al di là dell’ostacolo, per responsabilità nei confronti di una famiglia che comunque continua a esistere.

Litigare, farsi del male, può essere gratificante sul momento ma a lungo andare distrugge tutto. Ambra e io questo passaggio ce lo siamo evitati e siamo rimasti vicini per i nostri figli, viviamo a una rampa di scale di distanza. Ci hanno aiutato tantissimo i nostri fantastici bambini.

Abbiamo fatto un bel lavoro su di loro e ci stanno restituendo il favore. I miei figli, il mio lavoro e questa serenità che Ambra Angiolini e io siamo riusciti a ritrovare. E mi tiene in piedi anche quest’idea dell’amore che credo sia la cosa più importante, non solo nelle mie canzoni, ma nella vita.

Perché davvero è il motore di tutto

CONDIVIDI
Articolo precedenteSerie TV, torna Marco Bocci con “Nome in codice solo”
Prossimo articoloIl film da vedere stasera, 9 luglio – Trainspotting
mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..