Fabio Fazio stipendio: l’Anac passa la palla alla Corte dei Conti

Che fuori tempo che fa - FABIO FAZIO

Bufera su Fabio Fazio. L’Anac ha deciso di inviare alla Corte dei Conti il fascicolo riguardante lo stipendio del conduttore di Rai 1. Come mai? A quanto si apprende da Repubblica sono stati portati alla luce “elementi di criticità e perplessità sulla giustezza dei costi/ricavi preventivati”. Cosa sta succedendo? Per capirlo bisogna fare un passo indietro e tornare a poco più di un anno fa.

Fabio Fazio stipendio: nuova bufera sul conduttore

Perché Fabio Fazio è di nuovo nell’occhio del ciclone? Tempo fa il deputato del Partito Democratico, Michele Anzaldi, fece un esposto affinché fossero fatti accertamenti sullo stipendio di Fabio Fazio. Secondo quanto è emerso nelle ultime ore proprio da quell’atto partirono in seguito gli accertamenti Anac sul contratto del conduttore di Che tempo che fa.

La lunga e complessa istruttoria è andata a porre sotto la lente di ingrandimento il compenso, la durata dell’accordo tra Fabio Fazio e i rapporti con la società di produzione dello stesso conduttore che è anche autore del programma.

Da qui si è giunti alla denuncia di cui parla Repubblica, quella di Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità anti-corruzione.

Cosa dovrà fare la Corte dei Conti? Dopo che l’Anac le ha trasmesso la delibera quest’organo si occuperà dei vari approfondimenti di competenza andando a scandagliare soprattutto il rapporto fra costi e ricavi che tanto ha destato dubbi e preoccupazioni.

Fabio Fazio stipendio: il commento di Michele Anzaldi

Su Facebook Anzaldi, che continua a seguire la vicenda per cui fece l’esposto, ha scritto: “La decisione del presidente dell’Anac Raffaele Cantone di denunciare alla Corte dei Conti il contratto milionario di Fabio Fazio, riportata su Repubblica, conferma non soltanto la fondatezza dell’esposto che ho presentato lo scorso anno, ma si spinge oltre chiedendo l’intervento dei giudici contabili”.

Anzaldi ha poi aggiunto: “Ora la Corte dei Conti valuti di pronunciarsi prima possibile, in modo da evitare il perdurare di eventuali danni erariali a carico delle finanze del servizio pubblico, prima che inizi la prossima stagione televisiva“. L’auspicio però è che l’organo si muova in fretta e con la massima trasparenza per evitare altri eventuali ‘danni.

Fabio Fazio stipendio: la risposta della Rai

In una nota stampa la Rai ha commentato le notizie che circolano sui media nelle ultime ore dicendo: “La delibera Anac, che peraltro ha assunto le forme di una indicazione non vincolante, è stata trasmessa alla Corte dei Conti in quanto organo istituzionalmente competente per il monitoraggio a consuntivo dell’andamento effettivo dei costi e dei ricavi del programma“. La Rai ha però voluto ribadire la propria correttezza specificando che anche l’Anac ha evidenziato come siano stati “portati avanti principi di corretta gestione finanziaria nel pieno compimento della sua missione di servizio pubblico“.

Oltre a ciò Viale Mazzini ha specificato: “Rai esclude che Anac abbia censurato il compenso di Fabio Fazio. L’Autorità ha invece riconosciuto, con riferimento al complesso dei rapporti tra Rai, Fazio e la società di produzione, che non sussiste alcun danno attuale cagionato all’erario“.

CONDIVIDI