Escobar, nuova serie su Discovery Channel

escobar

Pablo Escobar ritorna protagonista in tv con una nuova serie trasmessa in anteprima sul canale Discovery Channel: trama ed anticipazioni

Da Medellin alla conquista del mondo. E’ la storia di Pablo Escobar, il criminale colombiano conosciuto per essere stato il più ricco e famoso narcotrafficante di cocaina. Una storia di luci ed ombre che a distanza di 34 anni dalla sua cattura e morte continua a destare ancora molto interesse.

Escobar e la caccia al serio nascosto su Discovery Channel

Si chiama “E$cobar” la nuova serie trasmessa in anteprima assoluta da mercoledì 6 dicembre 2017 alle ore 22.50 su Discovery Channel, canale 401 di Sky.

Finding Escobar’s Millions“, questo il titolo originale della serie, è composta da sei episodi della durata di circa un’ora in cui si racconterà la vita e le opere del narcotrafficante numero uno.

Escobar è stato un uomo che ha diviso l’opinione pubblica e la stampa. Acclamato dal popolo e ricercato dalla DEA, Pablo è riuscito con il suo potere a tenere in pugno il mondo della politica colombiana, ma anche avvocati, giudici, giornalisti e diversi agenti speciale della DEA. Soprannominato il Re della cocaina, è considerato ancora oggi il criminale più ricco della storia. Il suo patrimonio, stimato ai primi anni novanta, supererebbe i 30 miliardi di dollari.

La storia di Pablo Escobar

Il cartello di Medellin è il nome della potente organizzazione di traffico di droga fondata e gestita da Pablo Escobar. Un vero e proprio impero economico che tra gli anni ’70 ed ’80 ha visto Pablo controllare il traffico di droga in entrata ed uscita nei mercati spagnoli ed americani. Il desiderio di Escobar era quello di dare vita ad un stato alternativo che andasse a rimpiazzare lo stato colombiano. Un progetto in parte riuscito visto che molti si sono sottomessi al suo regime basato sull’intimidazione e corruzione. Plata o plomo (soldi o piombo) è la celebre strategia messa all’opera da Escobar che offriva ai malcapitati due opzioni di scelta: cedere alla corruzione o morire.

Il successo di Pablo è stato tale da essere perfino inserito al settimo posto della classifica degli uomini più ricchi del mondo stilata dalla celebre rivista Forbes. Durante quegli anni, infatti, egli comandava l’80% del traffico della cocaina e il 20% delle armi illecite. Considerato un vero e proprio eroe per la gente di Medellin, Pablo dispensava soldi e ha fatto costruire stadi di calcio, strutture ospedaliere e scuole per la sua gente al punto da essere paragonato a “Robin Hood“. Opere di bene che l’hanno aiutato a conquistarsi l’approvazione del popolo che spesso ha contraccambiato il favore offrendogli coperture o tenendo nascoste informazioni alle autorità. Nel 1983 Escobar si è anche candidato alla camera colombiana diventandone deputato.

Alla ricerca delle ricchezze di Pablo Escobar

Una ricchezza immensa che Pablo ha sperperato acquistando ville prestigiose, aerei privati e regalando alla famiglia vacanze da sogno. Spese che non sono bastate a contenere il suo immenso patrimonio di dollari in parte nascosti sotto terra nelle compagne della Colombia.

Saranno proprio Douglas Laux e Ben Smith, due ex agenti della CIA pronti a tornare sulle tracce di Escobar per scoprire e raccontare ancora una volta retroscena inediti sulla vita del narcotrafficante. Non solo, cercheranno tramite l’utilizzo del GPR di scoprire dove sono finiti molti dei suoi profitti illeciti incontrando anche persone che l’hanno incontrato, conosciuto e lavorato con lui. Durante uno degli episodi a parlare sarà proprio il figlio Juan Pablo pronto a raccontare retroscena inediti sulla vita del padre.

Sicuramente questa nuova serie – documentario dedicata alla vita del re del Cocaina regalerà agli appassionati del genere (e non solo) nuove avvincenti scoperte!

Potrebbe interessarti: Vojager, le nuove puntate con Roberto Giacobbo

Avatar for Emanuele Ambrosio
Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here