Cristina Parodi su Matteo Salvini: “ascesa dovuta alla paura e all’ignoranza”

parodi

Cristina Parodi commenta l’ascesa di Matteo Salvini. La replica della Lega è pesantissima: “Lasci la Rai e scenda in politica”

Cristina Parodi e Matteo Salvini. Ospite de “I lunatici” su Radio 2, la giornalista e conduttrice Rai dice la sua sull’ascesa di Salvini alla guida del Governo. Parole che hanno poco dopo spinto la Lega a rispondere con alcune esternazioni davvero dure. Ecco cosa è successo.

Cristina Parodi su Salvini: “ascesa dovuta alla paura e all’ignoranza”

La conduttrice de “La Prima Volta” non si è tirata indietro e durante una puntata de “I Lunatici” di Radio2 ha risposto ad alcune domande inerenti la politica. I conduttori del programma radiofonico le hanno chiesto cosa ne pensa di Salvini e della sua ascesa; domanda a cui la Parodi ha risposto così:

È dovuta alla paura e anche all’ignoranza.

Poco dopo la conduttrice Rai ha sottolineato, secondo il suo personale punto di vita, a cosa sia dovuta l’ascesa in politica dell’attuale Vicepremier e Ministro degli Interni:

All’arrabbiatura della gente. Al fatto che probabilmente non è stato fatto molto di quello che era stato promesso di fare. È dovuta alla paura e anche all’ignoranza secondo me.

La replica della Lega: “Lasci la Rai”

Sincera e onesta come sempre, Cristina Parodi ha motivato la sua opinione sottolineando anche cosa non le piace della politica promossa dal leader della Lega:

Mi fa paura un tipo di politica basata sulla divisione, sui muri da erigere, vorrei una politica che andasse incontro ai più deboli, che aiutasse questo Paese a risollevarsi in un altro modo.

Naturalmente le parole della Parodi non sono passate inosservate. Poco dopo, infatti, la Lega ha deciso di replicare alla giornalista e moglie del sindaco Giorgio Gori così:

Se Cristina Parodi è tanto delusa dalla politica italiana scenda in campo.

Non solo, alcuni rappresentanti della Lega hanno invitato la conduttrice a lasciare la Rai precisando:

Con le sue offese a Matteo Salvini, la giornalista e moglie del sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha utilizzato il servizio pubblico radio-televisivo a proprio uso e consumo, facendo propaganda politica alla faccia del pluralismo informativo e ciò non è giustificabile. Ne chiederemo conto in Commissione di Vigilanza Rai con un’interrogazione.

Dichiarazioni pesanti e che appaiono, onestamente esagerate. Resta da capire cosa fare la Rai dinanzi alle richieste avanzate da alcuni parlamentari leghisti.

Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here