Buon compleanno, Matthew McConaughey!

Nato il 4 novembre 1969 ad Uvalde (Texas), è stato ribattezzato uno degli attori più sexy e talentuosi di Hollywood.

Gli iniziali ruoli nelle commedie romantiche

L’attore texano (ma di origini irlandesi, scozzesi, svedesi e tedesche) esordisce sul piccolo schermo all’inizio degli Anni ’90, ma la sua vera ascesa cinematografica inizia nel 1996.

In quell’anno, infatti, gli viene proposto il ruolo da protagonista ne:

  • il western “Stella Solitaria”;
  • il thriller di Joel Schumacher “Il momento di uccidere”, in cui interpreta un giovane avvocato.

Nel corso degli anni successivi, Matthew diventa “il re delle commedie romantiche” e viene apprezzato dal pubblico femminile grazie a:

  • Prima o poi mi sposo (con Jennifer Lopez);
  • Come farsi lasciare in 10 giorni (accanto a Kate Hudson);
  • Tutti pazzi per l’oro (sempre accando a Kate Hudson);
  • A casa con i suoi (con Sarah Jessica Parker);
  • La Rivolta delle ex (con Jennifer Gardner e Michael Douglas);
  • Magic Mike.

Gli anni della ‘maturità cinematografica’

Dopo un intero decennio di commedie, Mr. McConaughey decide di allargare i suoi orizzonti con ruoli di maggior spessore.

Il film ‘della svolta’ è The Lincoln Lawyer”, che porta al cinema l’arcinoto Mickey Haller (l’avvocato nato dalla fantasia del romanziere Michael Connelly).

Successivamente, interpreta:

  • lo squilibrato sicario del Sud in Killer Joe di William Friedkin;
  • il procuratore texano Danny “Buck” Davidson di Bernie;
  • il fuggitivo dell’Arkansas in Mud.

Ma sarà l’interpretazione di un altro texano a valergli la vittoria dell’Oscar come miglior attore non protagonista (e di un Golden Globe).

Nel 2013, infatti, si cala nei panni di Ron Woodroof (letteralmente, perché perde ben 23 chili per calarsi nella parte!) nel toccante Dallas Buyers Club.

Il 2013 è davvero l’anno della consacrazione cinematografica di Matthew, visto che sarà anche l’anno in cui reciterà anche nell’irriverente “The Wolf of Wall Street” affianco a Leonardo di Caprio.

L’anno successivo il bell’attore texano interpreta il personaggio principale di “Interstellar” e viaggia tra varie dimensioni temporali per salvare la Terra (ed essere salvato..)

Verso l’infinito e oltre

Nel corso degli ultimi anni, Matthew McConaughey ha ricevuto numerosi riconoscimenti ed apprezzamenti dalla critica per le sue sempre più coinvolgenti interpretazioni.

Non da ultimo, il controverso e magnetico ruolo di Rust Cohle nella serie tv “True Detective”.

Il 17 novembre 2014 McConaughey riceve la propria stella sulla Hollywood Walk of Fame (stella numero 2534), durante una cerimonia a cui hanno partecipato familiari e colleghi.

Nell’agosto del 2015 è stato annunciato che sarà il protagonista del film “Gold”, diretto da Stephen Gaghan. Quest’anno, invece, ha prestato la voce ad uno dei personaggi dell’attesissimo film di animazione “Sing”, per la cui uscita nelle sale dovremo pazientare ancora un po’.

Certi che oggi festeggerà con sua moglie, la modella Camila Alves, ed i loro tre figli Levi, Livingston e Vida, auguriamo a questo poliedrico e vincente attore

Buon compleanno!!!

con la Top Ten delle sue migliori performances cinematografiche:

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuanti seguono Un Medico in Famiglia? | Auditel 03 novembre 2016
Prossimo articoloSelvaggia Lucarelli condannata per aver dato della transessuale ad Alessia Mancini.
mm
Sono una web writer in erba ed un'aspirante copywriter. Da sempre subisco il fascino delle parole in tutte le sue forme: forse non è un caso che il mio nome (Eufemia, dal greco “ eu phemì ” = colei che parla bene) contenga un verbo che significa 'parlare, dire, raccontare, etc'. Scrivere, infatti, rappresenta una delle mie più grandi passioni assieme al canto, alla musica ed ai viaggi. Sono una vera divoratrice di pellicole cinematografiche, amo i ‘courtroom drama’ - i film che si svolgono prevalentemente nelle aule di giustizia - e tutti i thriller. Per me, attori come Al Pacino, Robert De Niro e Jack Nicholson sono mostri sacri del cinema. Le serie tv che non smetterei mai di rivedere, invece, sono ‘Gomorra’, ‘How to get away with murder’ e ‘Lie to me’ (anche se vorrei trovare il tempo per vedere ‘House of cards’ e ‘Mad Men’).