“Tenetevi Forte”, è tornato Marco Carta

Marco Carta

Cari amici di SuperguidaTv, ve lo ricordate Marco Carta? Sì proprio lui: Marco Carta, il cantante di origini sarde che nell’edizione di Amici 2008 ha trionfato, dopo numerose “peripezie” all’interno della scuola.

Nel 2009 vince il Festival di Sanremo con il brano: “La forza mia”. Da allora sono successe tante cose nella vita del cantante di origini cagliaritane, come racconta lui stesso in un’intervista al settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni”, nella quale spiega come l’onda del successo”, dalla quale è stato travolto quasi all’improvviso, non sia riuscita a cambiarlo, ma che lui ha dovuto imparare a tenersi forte per non farsi travolgere…

Marco Carta: il nuovo Album

Proprio di questo infatti racconta il suo nuovo album, uscito lo scorso 26 Maggio, dal titolo emblematico di: “Tieniti Forte”. E’ un disco composto da 12 brani che hanno come tema comune la necessità di imparare a “tenersi forte” appunto, cioè a sviluppare una certa corazza davanti alle diverse situazioni che la vita ci mette di fronte: dalla fine di una storia d’amore, alla fretta di fronte alla quale la nostra società ci impone di adeguarci, ecc.

Questo lavoro mostra, inoltre, la maturità artistica (e ovviamente) personale alla quale è giunto: cioè il passaggio dal ragazzo fragile, con una storia familiare un po’ travagliata, che entra ad Amici e lo vince (attraversando tutte le difficoltà che una “situazione” del genere comporta) e che nel giro di poco tempo vince anche Sanremo, all’uomo che afferma di essere diventato oggi, in cerca di un po’ di “quiete dopo la tempesta” (come lui stesso afferma), ma soprattutto consapevole che crescere è doloroso (sotto certi aspetti) ma necessario.

Quindi, se anche voi siete appassionati di buona musica, magari preferendo quella italiana, e se vi piacciono le voci “graffiate”, non potete assolutamente perdere quest’album, che vi condurrà in un viaggio all’insegna delle emozioni, e se lo vorrete, vi terrà compagnia per tutta l’estate…

Buon ascolto!

CONDIVIDI