“Suburra”, la prima serie tv italiana che debutterà su Netflix

Suburra

Buongiorno, followers della Super Guida Tv! Le serie tv Gomorra e Romanzo Criminale vi hanno letteralmente stregato, al punto da vederle più volte?

Allora sappiate che Cattleya, la casa di produzione cinematografica e televisiva di questi due gioielli televisivi, ha in serbo per voi una nuova ed intrigante serie tv: Suburra!

Questa serie potrà vantare un primato importante: essere la prima fiction made in Italy a sbarcare su Netflix!

Se volete scoprire qualcosa in più su questa imperdibile serie tv, continuate a leggere l’articolo.

Suburra: la prima serie tv italiana trasmessa su Netflix.

Una volta l’anno, la stampa si riunisce in una città europea per partecipare al “See what’s next”. 

Questo evento viene organizzato da Netflix per pubblicizzare le novità e le produzioni autoctone in uscita sulla medesima piattaforma.

Dopo Parigi nel 2016, ad ospitare l’edizione 2017 di questo evento è stata la città di Berlino.

La capitale tedesca, quindi, ha assistito anche alla presentazione alla platea di giornalisti di “Suburra la serie”, prima produzione Made in Italy di Netflix.

Produzione, regia e cast della serie tv.

Suburra è un crime-thriller prodotto da Cattleya in collaborazione con Rai Fiction e diretto da Michele Placido

La serie, ispirata all’omonimo romanzo di Carlo Bonini Giancarlo De Cataldo (ed in parte all’omonimo film di Stefano Sollima) avrà un cast eccezionale.

Per citare solo alcuni nomi, reciteranno nel film Alessandro Borghi e Filippo Nigro.

Filippo Nigro interpreterà il personaggio di Amedeo Cinaglia, un consigliere comunale Presidente della commissione urbanistica del comune di Roma sposato con una parlamentare. Cinaglia è un uomo idealista, del tutto ignaro della torbida corruzione che lo circonda. La sua vita verrà letteralmente stravolta dall’incontro con il Samurai.

Alessandro Borghi, invece, si calerà nei panni di Numero 8, figlio di un noto boss di Ostia. Questo personaggio sarà alle prese con un processo criminale nel corso del quale cercherà di dimostrare a se stesso e alla sua famiglia di essere in grado di portare avanti la dinastia. Per farlo, si avvarrà spesso di metodi poco ortodossi.

Ad arricchire il cast della serie tv Suburra anche Claudia Gerini, Francesco Acquaroli, Giacomo Ferrara e Eduardo Valdarini.

Trama.

“Suburra la serie” rappresenta una sorta di prequel dell’omonimo film. Le vicende che verranno narrate nel corso di dieci puntate, infatti, sono ambientate a Roma nel periodo antecedente agli anni del grande scandalo emerso nel film.

Dall’intreccio narrativo emergeranno le ambigue connessioni tra tre mondi, apparentemente estranei gli uni agli altri ma incredibilmente legati tra loro:

  • la criminalità romana, spesso crudele e spietata;
  • la politica corrotta ed inaffidabile;
  • il Vaticano ed i suoi loschi affari.

Il conflitto tra queste tre realtà verrà palesato dalle interazioni tra i personaggi, in un’eterna lotta per la conquista del potere sulla Città Eterna.

Alleanze ‘tra legale ed illegale’ si susseguiranno nel corso dei venti giorni che precedono le dimissioni del sindaco capitolino.

Quest’ultimo avvenimento, al pari del film, rappresenta il tema centrale della serie tv.

Continuate a seguirci per scoprire quando verrà divulgata ufficialmente la data di uscita di questa promettente serie tv su Netflix.

CONDIVIDI
Articolo precedenteStasera in tv: i film e i programmi da vedere Giovedi 2 marzo 2017
Prossimo articolo“Cinema2day” continua fino a maggio la promozione!
mm
Sono una web writer in erba ed un'aspirante copywriter. Da sempre subisco il fascino delle parole in tutte le sue forme: forse non è un caso che il mio nome (Eufemia, dal greco “ eu phemì ” = colei che parla bene) contenga un verbo che significa 'parlare, dire, raccontare, etc'. Scrivere, infatti, rappresenta una delle mie più grandi passioni assieme al canto, alla musica ed ai viaggi. Sono una vera divoratrice di pellicole cinematografiche, amo i ‘courtroom drama’ - i film che si svolgono prevalentemente nelle aule di giustizia - e tutti i thriller. Per me, attori come Al Pacino, Robert De Niro e Jack Nicholson sono mostri sacri del cinema. Le serie tv che non smetterei mai di rivedere, invece, sono ‘Gomorra’, ‘How to get away with murder’ e ‘Lie to me’ (anche se vorrei trovare il tempo per vedere ‘House of cards’ e ‘Mad Men’).