RAI 3: Vietate scollature e tacchi alti, ecco chi lo ha deciso

Daria Bignardi

Il nuovo direttore di RAI 3, Daria Bignardi, ha pronto un nuovo codice look per la rete RAI.  Sì al trucco, purché sia leggero. Secondo quanto riporta il quotidiano romano “Il Messaggero”, infatti, martedì scorso la direttrice della terza rete ha convocato costumiste e truccatrici per impartire degli ordini precisi

Stando a quanto pubblicato dal quotidiano, le indicazioni sul look per i volti della terza rete sarebbero chiare: niente più abiti fascianti, niente tubini, rigorosamente banditi quelli di colore nero, forse ritenuti troppo sexy per il servizio pubblico.

Banditi anche i tacchi alti per le donne e massima attenzione agli orecchini: non dovranno essere troppo vistosi.

Ecco cosa ha dichiarato

Abbiamo ragionato su alcuni cambi di stile. Cambieremo nei programmi del day time le scenografie, le grafiche, le luci, e abbiamo pensato anche di ragionare su uno stile aggiornato per chi andrà in onda. Senza troppe cofane in testa o cravattoni. Accortezze, eleganza. Nessuna imposizione, è una condivisione semmai: la pensiamo tutti così ed era arrivato il momento di farlo: nulla di più dai

Non c’è dubbio che la Bignardi abbia preso sul serio il nuovo ruolo, tanto da non porsi neppure il problema di fino a che punto sia lecito scendere nei dettagli. D’altra parte la tv pubblica è la tv pubblica, il direttore di rete è il direttore di rete ed è tutta un’altra responsabilità rispetto a offrire birrette agli intervistati in un talk da emittente commerciale.