Mondiali, Russia 2018: cerimonia d’apertura affidata all’ex Take That, Robbie Williams

mondiali williams

Mondiali 2018, lo show ha inizio! La cerimonia d’apertura dei Campionati Mondiali di Russia del 2018 è stata affidata all’ex ragazzaccio dei Take That, Robbie Williams.

Una cerimonia semplice, snella, senza tanti fronzoli, senza mille coreografie ma incentrata sulla musica: il Presidente Putin vuole dare il messaggio di una nazione moderna.

Mondiali di Russia 2018: il discorso introduttivo del Presidente Putin

In uno stadio stracolmo con quasi 80 mila persone, il Luzhniki di Mosca, Il presidente Vladimir Putin ha inaugurato i mondiali facendo un breve discorso. Vladimir Putin ha parlato di:

“una grande famiglia unita dalla passione del pallone, la cui unità va preservata a dispetto di differenti ideologie, fede, culture”.

E’ chiaro il messaggio che vuole lanciare al mondo Putin, “sdoganando” la Russia da un passato troppo ingombrante: niente rievocazioni storiche troppo ridondanti, ma una presentazione snella di uno show che deve essere vissuto come una festa. La festa del calcio appunto.

Mondiali di Russia 2018: Robbie Williams sempre strepitoso anche se…

La rockstar mondiale dunque, si esibisce in un medley dei suoi successi più belli: partendo da “Angels” passando “Let Me Entertain You” accompagnato sul palco dalla cantante lirica russa Aida Garifullina.

Alla fine del brano Angels tuttavia, un gestaccio del cantante non ha convinto il pubblico. Infatti sono state, molte le critiche piovute in rete sull’ex Take That.

Durante l’esibizione dei due cantanti hanno sfilato le bandiere di tutti i Paesi partecipanti, ben 32 nazionali! Una vera tristezza che non ci sia anche la nostra Italia, ma ci rifaremo sicuramente per i prossimi!

Scrosci di applausi per l’entrata in campo del campione Ronaldo accompagnato da un bambino, inoltre sui maxischermi è stato proiettato un video sulle bellezze della Russia.

Mondiali di Russia 2018: presenze celebri

Sugli spalti ex-giocatori e molte personalità importanti tra queste ricordiamo:

Diego Armando Maradona, i presidenti di repubbliche ex-sovietiche, il boliviano Morales, la vicepremier cinese Sun Chunian, il principe saudita Mohammed bin Salman: c’era persino un rappresentante della Corea del Nord, assenti i rappresentanti di stati Europei e Americani.

Insomma, la cerimonia è stata spettacolare e anche se il nostro Paese è assente ci siamo riempiti gli occhi per i meravigliosi colori e la strepitosa festa che ci hanno regalato sia il Paese che ospita i Mondiali, sia la rete che ci ha permesso di vedere tutto questo! Quindi grazie Mediaset!!

mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here