Johnny Stecchino, un cult della cinematografia italiana

Cos’hanno in comune un modesto autista ed uno spietato mafioso?

Nulla, se si esclude l’incredibile somiglianza che li contraddistingue.

L’esistenza di Dante (Roberto Benigni), ilare e genuino autista di Cesena, scorre serena tra il suo lavoro di autista di scuolabus per ragazzi disabili, il tic escogitato per frodare l’assicurazione e le feste tra amici in cui si finisce sempre per ammirare qualche “ministero”.

Ed è proprio in seguito ad una di queste feste che la tranquillità di Dante viene stravolta dall’incontro con Maria (Nicoletta Braschi), una bellissima donna che sviene letteralmente ai piedi dell’uomo e poi scompare nella notte.

Dante si innamora perdutamente di Maria e spera ardentemente che il suo sentimento venga corrisposto, ignaro del fatto che la donna misteriosa, dopo il loro incontro, ha già deciso il suo destino.

Quello sconosciuto incontrato per caso a Cesena, infatti, è la copia esatta di Johnny Stecchino, marito di Maria e boss italo-americano nascosto nella sua villa di Palermo per paura di essere ucciso dai mafiosi delle famiglie rivali.

Maria, dunque, veste Dante come suo marito e lo invita nella sua terra per presentarlo al caro ‘zio’ – alias avvocato D’Agata, legale del marito – decisa a gettarlo in pasto alla malavitosa città di Palermo per immolarlo al posto del suo amato.

Il piano ordito dalla donna deve tuttavia scontrarsi non solo con la fortuna sfacciata di Dante, il quale esce miracolosamente illeso dai pericoli in agguato tra le vie del capoluogo siciliano, ma anche con l’ingenuità quasi fanciullesca del cesenate che, intenerendo il cuore della moglie del boss, la indurrà a dei ripensamenti sul futuro delle persone coinvolte.

Una spiritosa ed a tratti romantica commedia degli equivoci diretta ed interpretata da Roberto Benigni, il quale, attraverso gli occhi di un eterno adolescente, mira a svilire e canzonare il mondo della malavita.

Il film è possibile vederlo questa sera su 9 (ex deejay tv) alle ore 20.45

CONDIVIDI