Intervista integrale – video e testo – di Paola Perego a “Le Iene” sulla cancellazione del suo programma

paola perego

Followers di SuperGuida, in questi giorni la Rai è stata travolta da un vero e proprio “scandalo” relativo alle donne dell’est.  Un polverone che è stato alzato dai vertici Rai, e persino dalla Presidente della camera Boldrini, nel corso del programma “Parliamone Sabato” condotto da Paola Perego, moglie di Lucio Presta.

“Parliamone Sabato” chiusura record del programma di Rai Uno

Questo il motivo del contendere,  dello scandalo e dell’insorgere del web:

Insomma, quello che leggiamo nella foto sopra, sono dei luoghi comuni di cui si è sempre parlato e che non hanno mai suscitato molto clamore. Anzi. Era, ed è, proprio uso e costume dei maschi italici, di una certa età, che stanchi di un rapporto o un matrimonio di molti anni, si rivolgono ad agenzie matrimoniali, o addirittura si recano sul luogo, per “trovare” una compagna dell’est.

Pare evidente che l’intento del programma e della Perego era quello  di elogiare le donne dell’est, a discapito delle italiane, considerate un po’ troppo “pesanti e pedanti” al pari delle altre, molto più leggere (caratterialmente) ed estroverse.(ovviamente un modo giocoso di vedere la cosa, condito da molta ironia)

Tuttavia, l’intervento degli ospiti in studio, tra battute da osteria e commenti poco eleganti ha trasformato il tutto in una caciara tanto che il direttore di Rai Uno, Andrea Fabiano è corso ai ripari pubblicando questo tweet:

E si è scusata anche Monica Maggioni, Presidente della Rai, parlando di “errore folle, inaccettabile“.

La risposta della conduttrice, Paola Perego  a “Le iene”

La conduttrice, Paola Perego, vedendosi chiudere il programma, in un primo momento ha taciuto dopo, in una intervista a “Le Iene” andato in onda ieri sera, mercoledì 22 marzo si è difesa, o perlomeno ha detto la sua.

Vi riportiamo il video dell’intervista e il testo integrale:

(VIDEO)

Le Iene Show: intervista a Paola Perego sulla chiusura di Parliamone Sabato

Iena:Come stai?

Paola Perego:

Male.

Iena: Male perché?

Perego:

Perché mi sento messa in mezzo in una cosa molto più grande di me.

Iena:E poi?

Perego:

Sto male per tutte quelle persone che, fidandosi di me, mi hanno seguita in questo programma. Ora resteranno senza lavoro.

Iena: Raccontaci cosa ti è accaduto…

Perego:

Sono disorientata, questa è la parola giusta. Ancora non me ne rendo conto di quello che sta accadendo.

Iena: Ti senti un capro espiatorio?

Perego:

È tutto troppo. È tutto troppo surreale.

Iena: Cioè?

Perego:

Cioè mi hanno messa in mezzo in una cosa che è molto più grande di me.

Iena: E come ti senti?

Perego:

Sono disorientata, spaventata, non riesco a rendermene conto, vedo i giornali e mi sembra una cosa surreale, che non sta capitando a me.

Iena: Hai paura?

Perego:

Non ho ancora metabolizzato, non riesco a capire bene che cos’è questa violenza contro di me.

Iena: L’hai vissuta come una violenza?

Perego:

Una violenza terribile, brutta.

Iena:E perché a te?

Perego:

Non me lo merito, io credo di essere una brava persona.

Iena: Sicuramente lo sei, ma le critiche sono al programma…

Perego:

Ma la mia preoccupazione, credetemi, non è per me, è veramente per tutte quelle persone che lavorano con me. Pensa che guadagnano due lire ed ora veramente avranno problemi a pagare l’affitto, perché non è che gli stipendi Rai proprio ti permettono di navigare nell’oro.

Iena: Che idea ti sei fatta?

Perego:

Che mi hanno messa in mezzo.

Iena: In che senso?

Perego:

Che è qualcosa di molto più grande.

Iena: Spiegati meglio.

Perego:

C’è gente che ha bestemmiato, hanno intervistato il figlio di Totò Riina facendogli l’altarino, abbiamo visto in televisione qualunque cosa. Questo era un gioco. È scoppiata la bomba, ma la bomba non c’è.

Iena: E perché qualcuno ha visto la bomba?

Perego:

Hanno usato me come potevano usare forse qualcun altro. Forse è scomodo mio marito.

Iena: Tuo marito?

Perego:

Può essere, forse ho un marito scomodo.

Iena: Ma perché questa necessità di trovare l’arma del delitto?

Perego:

Ma sai non la stanno cercando l’arma del delitto, hanno già fatto la sentenza.

Iena: E qual è la sentenza?

Perego:

Hanno chiuso il programma e io adesso credo che rescinderanno anche il mio contratto, ma questo non è un problema, cioè io non sono quella persona che stanno descrivendo e chi mi conosce lo sa.

Iena: Ti ha ferito passare per una sessista insensibile?

Perego:

Sì, perché io non lo sono, ma veramente non lo sono. Non so… Poi non posso stare qui ad elencare i miei pregi o le cose che io ho fatto, ho anche 8 mila miliardi di difetti, però io non sono quella persona che oggi è descritta sui giornali.

Iena: Credi di esserti sbagliata?

Perego:

Sì, può essere stata una pagina brutta, ma non… È incredibile perché dal niente è partita un’eco mostruosa su una cosa che non c’è, non esiste.

Iena: E che effetto fa?

Perego:

È devastante.

Iena: Riuscirai a fare chiarezza su questa vicenda?

Perego:

Ma non verrà mai fatta chiarezza. Ma come fanno a fare chiarezza?

Iena: Ci sarà un modo?

Perego:

Gli argomenti in Rai vengono approvati prima di essere messi in onda.

Iena: Da chi?

Perego:

Dal capostruttura, dal direttore di rete. Mi hanno approvato questo argomento e mi hanno cassato il femminicidio perché non volevano che ne parlassimo perché non era con la linea editoriale.

Iena: Beh, questa è un’accusa pesante…

Perego:

Prima l’approvano e poi si scusano, di cosa? Ma di cosa? Ma di che stiamo parlando?

Iena: Ci puoi spiegare meglio?

Perego:

Loro si sono dissociati da una cosa che avevano approvato e adesso fanno la figura di quelli che stanno salvando l’Italia da questo “mostro” che è sessista, che porta in televisione queste cose.

Iena: Ma tu ti senti in colpa?

Perego:

Ti ci fanno sentire.

Iena: Perché?

Perego:

Perché parte da una parola e poi tutti la ripetono e poi s’ingigantisce e ti portano a pensare “Ma che cosa ho sbagliato?”. Io l’ho rivisto tre volte quel pezzo: io ho difeso le donne come faccio sempre.

Iena: E allora qual è il reato?

Perego:

Non c’è reato, non c’è il reato.

Iena: Ma molte persone si sono risentite.

Perego:

Io ho letto molte motivazioni di donne che si sono risentite e sembra che parlino di un altro programma, non sono cose che abbiamo detto o fatto noi.

Iena: Ma questa slide ha fatto più casino di una donna nuda in copertina…

Perego:

Sì, credo che ha fatto casino perché è l’unica cosa che hanno visto.

Iena: Ma cos’altro c’era da vedere?

Perego:

Il programma, la discussione e cogliere il lato ironico della cosa.

Iena: Però non sembrava tanto ironico.

Perego:

Forse perché mi è venuta male ché non sono tanto ironica io.

Iena: Il servizio pubblico può mandare in onda le chiacchiere da bar?

Perego:

Assolutamente sì, perché è uno spaccato di vita.

Iena: Quella sulle donne dell’Est è stata una brutta pagina di TV?

Perego:

Una pagina mediocre come tante altre.

Iena: Uno stupido gioco finito male?

Perego:

Forse, sì.

Iena: Un botto che ha svegliato tutti quelli che dormono davanti alla TV?

Perego:

Non credo che si siano svegliati.

Iena: Ma c’è qualcosa di cui ti vuoi scusare?

Perego:

Sì, io mi vorrei scusare per la dichiarazione di Fabio Testi.

Iena: Alla fine di tutto lo hai ribaltato?

Perego:

Ho chiesto di non invitarlo più.

Iena: Però la Boldrini dice che hai trattato la donna come un animale domestico….

Perego:

Un peluche?

Iena: No, un animale domestico.

Perego:

Quando la signora Boldrini ancora non era in politica e faceva televisione, io già lottavo per i diritti delle donne.

Iena: E ti pesa di più esser accusata di razzismo o sessismo?

Perego:

Di sessismo, assolutamente di sessismo.

Iena: Perché?

Perego:

Perché non lo sono, ma non solo non lo sono, perché porto avanti una battaglia da sempre, perché è uno dei miei principi base, la difesa dei diritti delle donne principalmente. Fa male.

Iena: Ti senti schiacciata contro un muro?

Perego:

Assolutamente sì, e senza possibilità di difesa. Perché quando diventa una cosa virale in questa maniera, che fai? Infatti me ne sto zitta.

Iena: Perché la difesa non vale quanto l’accusa?

Perego:

È sfuggita di mano questa cosa. In due giorni è crollato tutto come un castello di carta.

Iena: Alla luce del fatto che la TV è un po’ tutta “pecoreccia”, ipotizzi che qualcuno possa ridimensionare le sue accuse?

Perego:

No, anche perché dalle posizioni che hanno preso, è molto difficile tornare indietro e poi sono dei codardi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteStasera in tv. I programmi ed i film in onda il 23 marzo 2017
Prossimo articoloReport riparte dal 27 marzo su Rai Tre senza Monica Gabanelli, ma con Sigfrido Ranucci
mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..