Il vecchio e il Tour, lo speciale dedicato a Gino Bartali su Rai 2

gino bartali

La storia di Gino Bartali arriva in tv con lo speciale “Il vecchio e il tour”: ecco quando andrà in onda l’inedito racconto televisivo

Il racconto della fatidica vittoria del 1948 di Gino Bartali al secondo Tour de France viene raccontata nello speciale televisivo dal titolo “Il vecchio e il tour“. Un appuntamento speciale ed imperdibile per tutti gli appassionati di ciclismo e per tutti quelli che hanno sognato insieme al campione di ciclismo.

Il vecchio e il tour, Gino Bartali: quando va in onda

Arriva in tv “Il vecchio e il tour”, lo speciale televisivo dedicato a Gino Bartali. La messa in onda è prevista per lunedì 30 luglio 2018 in seconda serata su Rai2.

Lo speciale sarà interamente dedicato ai due giorni del luglio 1948 che hanno visto Gino Bartali vincere il suo secondo Tour De France.

A raccontare questa impresa storica sarà Michele Dalai, scrittore e narratore, ma anche autore televisivo. Non solo, recentemente Dalai è stato diverse volte ospite di programmi di successo come “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” e “Il processo del lunedì“.

In occasione del 70esimo anniversario della vittoria di Gino Bartali durante il Tour de France, Rai 2 omaggia il grandissimo campione e dirigente sportivo italiano con uno speciale televisivo davvero imperdibile.

Durante la serata verrano raccontate le sue imprese, le difficilissimi salite nella tappa Cannes-Briancon fino all’arrivo trionfante a Parigi. Nel luglio del 1948 Bartali vinse per la seconda volta nella sua carriera il Tour de France, a dieci anni esatti dalla prima vittoria.

In tv verrà riproposta l’intera scalata del campione con una serie di filmati provenienti dalle Teche Rai, ma anche video inediti, interviste e contributi finora mai mostrati prima.

L’evento, condotto da Michele Dalai, racconterà quanto successo il 14 e 15 luglio del 1948, giornate che hanno cambiato non solo la vita di Bartali, ma anche la storia del nostro Paese.

Anticipazioni Il Vecchio e il Tour, l’omaggio a Gino Bartali su Rai 2

Durante lo speciale televisivo “Il vecchio e il tour” vengono ripercorse le giornate del 14 e 15 luglio 1948.

Il 14 luglio del 1948 è il giorno di riposo al Tour de France. L’ultima gara ha visto Louison Bobet indossare la maglia gialla, con Gino Bartali dietro di ben 21 minuti. Il campione è in difficoltà e non vive dell’appoggio di nessuno; anzi la stampa lo apostrofa come “Il vecchio” per via della sua età, 34 anni.

Intanto la situazione in Italia è complicata. Sono trascorsi pochi mesi dalla vittoria della Democrazia Cristiana e dall’attentato a Palmiro Togliatti, guida storica del Partito Comunista Italiano salvatosi davvero per un miracolo.

La notizia del tentato assassinio a Togliatti ebbe un clamore assurdo al punto da proclamare uno sciopero generale. In quell’occasione l’allora Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi chiama a Gino Bartali per chiedergli di vincere il Tour.

Il 15 luglio del 1948, Gino Bartali compie l’impresa impossibile: sulla salita da Cannes a Briancon recupera ben 20 dei 21 minuti vincendo la tappa. Una vittoria decisiva che gli consente di vincere anche l’intero Tour de France il 25 luglio del 1948.

Un’impresa storica che viene accolta con molta partecipazione in Italia distendendo così quel clima di rivolta generato dall’attentato a Togliatti. Un uomo che ha fatto la storia del ciclismo e non solo.

Come dimenticare che Bartali è stato anche l’uomo – eroe in grado di salvare ben 800 ebrei dalla deportazione. Un gesto che nel 2013 gli è valso il premio di Giusto tra le Nazioni.

L’appuntamento con Il vecchio e il tour è per lunedì 30 luglio in seconda serata su Rai2.

Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here