Fiction sull’Hotel Rigopiano: a rischio, arriva la diffida dai familiari delle vittime

Hotel Rigopiano

Una diffida per la fiction sull’Hotel Rigopiano

La fiction sull’Hotel Rigopiano ha sollevato non poche polemiche, la data della sua messa in onda è prevista per il 2 giugno 2017 sugli schermi di Rai2, ma alcuni problemi potrebbero farne saltare la programmazione.

Si tratterebbe di un instant movie intitolato C’è qualcuno e scritto da Michele Santoro con Beppe Fiorello come voce guida.

Pare però che sia giunta una diffida alla Rai dall’avvocato Romolo Reboa che, insieme ai legali Gabriele Germano, Maurizio Sangermano e Roberta Verginelli, ha come assistiti i 21 famigliari delle vittime rimaste coinvolte nella tragedia di Rigopiano oltre che al sopravvissuto Giampaolo Matrone.

Il mini film di 60 minuti, basato sugli eventi del 18 gennaio 2017, in cui hanno perso la vita 29 persone, potrebbe quindi non andare in onda il prossimo 2 giugno su Rai2 e forse essere addirittura del tutto cancellato.

Fiction sull’Hotel Rigopiano, le parole del legale delle vittime

Le parole dell’avvocato hanno precisato il disappunto per la messa in onda della fiction Rai spiegando:

I miei assistiti hanno appreso con estremo stupore la notizia che Rai2 racconterà in prima serata la tragedia di Rigopiano con un film che unirà immagini inedite ed esclusive girate dai Vigili del Fuoco all’interno dell’albergo il giorno della valanga e in quelli successivi.

Il legale sottolinea anche che i familiari delle persone scomparse ed il sopravvissuto non siano stati consultati, definendo il programma non tanto un reportage giornalistico quanto un fatto di carattere speculativo, cosa considerata gravissima da parte dei familiari.

Fiction sull’Hotel Rigopiano cancellata dalla Rai?

L’avvocato Reboa ha diffuso la lettera inviata alla Rai anche alla stampa e nella stessa sostiene come le immagini esclusive dei Vigili del Fuoco siano materiale di indagine, ragione per cui andrebbe

consegnato alla Procura della Repubblica di Pescara, piuttosto che essere dato in pasto al pubblico senza nemmeno averlo preventivamente fatto visionare ai sopravvissuti e ai famigliari delle vittime, magari tramite i loro legali.

Pare quindi che la fiction sull’Hotel Rigopiano possa essere rimandata, se non addirittura cancellata in segno di rispetto per la volontà dei familiari delle vittime.

I vertici Rai dovranno sicuramente prendere una posizione netta a riguardo prima che la polemica divampi: sul web infatti fioccano già alcuni commenti favorevoli alla cancellazione della fiction ed è probabile che un’eventuale messa in onda possa essere considerata da molti uno scivolone per la Rai. Si attendono quindi eventuali comunicati stampa che annuncino quale sarà il destino di C’è qualcuno.

CONDIVIDI