Fascino: ecco quanto ha guadagnato nel 2016 Maria De Filippi

Premio Bellisario 2017

Il bilancio di «Fascino p.g.t» relativo al 2016 svela quanto ha guadagnato in un anno Maria De Filippi grazie alla sua società che per metà è anche di Mediaset.

«Fascino p.g.t» può tranquillamente stappare lo spumante e festeggiare così i risultati record ottenuti. Si tratta di cifre positive anche rispetto al fatturato dell’anno 2015.

Quanto ha guadagnato Fascino nel 2016?

A fare il punto su quanto hanno guadagnato nel 2016 Maria De Filippi e Mediaset grazie alle attività di Fascino è un giornalista di Repubblica.

In data venerdì 23 giugno 2017 così riporta un articolo a firma di Ettore Livini pubblicato dalla versione digitale Economia e Finanza del noto quotidiano nazionale:

Le entrate della Fascino sono balzate l’anno scorso del 37% a 64,5 milioni di euro.

Livini quindi precisa:

Il bilancio si è chiuso con 2,6 milioni di profitti, in aumento del 160% sull’anno precedente. E all’assemblea di poche settimane fa De Filippi e i Berlusconi si sono regalati un dividendo di 500mila euro a testa. Cifre che spiegano bene perché De Filippi abbia potuto – con classe ma senza troppi danni economici – partecipare a titolo gratuito al Festival della canzone italiana al fianco di Carlo Conti.

I guadagni, come del resto sottolinea lo stesso Livini, non sono legati solo ai ricavi delle trasmissioni e agli ascolti record di programmi televisivi di successo come C’è posta per te, Amici, Uomini e Donne o Tu sì que vales, ma anche ad altre attività:

A far decollare davvero la redditività dell’impero però è la macchina social e di marketing creata attorno ai suoi successi della moglie di Maurizio Costanzo: i siti internet, per dire, hanno incassato 1,3 milioni, il volano di tronisti & C. ha fatto decollare i ricavi di merchandising a 4,2 milioni, in netta crescita rispetto al 2015.

I costi di Fascino p.g.t per l’anno 2016

Del resto, oltre ai guadagni ogni produzione televisiva comporta com’è ovvio che sia dei costi.

Questi, dunque, quelli relativi all’anno 2016 (così come li riporta Livini):

Nei conti dell’ultimo bilancio alla voce dei costi ci sono 5,6 milioni di diritti d’autore, 419 mila euro per l’orchestra, 3,8 milioni di consulenze, 2,3 milioni per gli alberghi, 2,7 per spese di viaggio, 1.631 euro di pedaggi autostradali, 623mila per la vigilanza e 967mila tra ticket, cestini e buffet.

Insomma, il bilancio 2016 di «Fascino p.g.t» è più che positivo, anche quando lo si confronta con quello del 2015.

Quanto ha guadagnato Fascino nel 2015?

Come scriveva lo scorso anno Maria Silvia Sacchi sul Corriere della Sera Economia, pure nel 2015 i numeri hanno sorriso alla padrona di casa di Canale 5, come noto produttrice, ideatrice e autrice di molti programmi di successo in casa Mediaset:

L’esercizio si è chiuso con un valore della produzione operativa di 52,3 milioni di euro, in crescita rispetto ai 48 milioni del 2014, con un margine operativo lordo di 2,1 milioni (1,5 nel 2014) e un utile netto di 1 milione, il doppio dell’anno precedente”. Nel complesso gli indici della Fascino sono positivi: “Roe (risultato netto/mezzi propri) netto del 5,61% e lordo (risultato lordo/mezzi propri) dell’11,61%, in crescita rispetto all’anno precedente. Il Ros (risultato operativo/ricavi di vendite) è salito dal 2,69% al 3,48%.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGemma Galgani curerà “la posta del cuore” del settimanale SPY
Prossimo articoloReazione a catena 2017: Gli Sfoggiati vincono 36.000 euro
mm
Nasco il 26 maggio 1992 in provincia di Caserta. Laureato in Scienze e tecniche psicologiche all'Università degli Studi di Napoli "Federico II", mi interessa tutto ciò che ruota attorno a TV, Web e nuovi media. Nel 2010 divento ufficialmente blogger fondando "Fuori dal Comune Castelvenere", primo blog di notizie locali e opinioni realizzato interamente da ragazzi. Dal 2011 in poi ricopro il ruolo di redattore presso "Corriere del Sannio", una delle prime testate giornalistiche online della provincia di Benevento. Nel 2013 collaboro con "DavideMaggio.it", testata riconosciuta "Miglior sito TV" ai "MIA 2016". Dal 2013 al 2017 sono Web Content Editor per "Trilud s.p.a", scrivendo di Cultura, Televisione e Spettacoli per il network "NanoPress" e "Televisionando". Attualmente collaboro con "SuperGuida TV", raccontando i fatti televisivi più importanti dal punto di vista del telespettatore. Per contatti e comunicati scrivi a: rds.rds28@gmail.com