Facciamo che io ero: lo show di Virginia Raffaele dal 18 maggio su Rai Due

Virginia Raffaele

Quando pensi a Virginia Raffaele, subito ti vengono in mente mille volti: Belen Rodriguez, Sandra Milo, Maria Elena Boschi e si potrebbe continuare ancora. Sono tutte il frutto di quelle imperdibili imitazioni che l’hanno resa famosa tra il pubblico televisivo in cui l’attrice assume completamente le sembianze della vittima prescelta.

Dal 18 maggio potremo gustarcele in prima serata su Rai due nel primo one – woman show intitolato Facciamo che io ero che regalerà tante risate al pubblico, registrando sicuri risultati in termini di audience.

L’ambientazione particolare dello studio di Facciamo che io ero

Virginia Raffaele ha trascorso gran parte della sua infanzia al luna park dove i suoi nonni avevano un banco e che l’ha segnata parecchio dal punto di vista artistico. Da lì la scelta di ricostruire a Cinecittà l’ambientazione di un circo in cui l’attrice potrà muoversi liberamente nelle sue mille trasformazioni. Sono previste quattro puntate in cui sicuramente rivedremo tanti dei personaggi che ci hanno divertito in passato e nuove figure, sulle quali però non si hanno anticipazioni.

La Raffaele ammette di essere alquanto scaramantica e preferisce dunque non svelare nulla di ciò che andrà in scena.

La Raffaele si dice molto ansiosa per la nuova trasmissione, tanto da non dormirci la notte. Lei è una perfezionista e le piace che tutto sia perfetto, l’ansia da prestazione è pertanto giustificata. Facciamo che io ero sarà interamente condotto e interpretato dalla Raffaele, un vero impegno da grande artista.

La grande capacità di trasformismo di Virginia Raffaele

Il titolo Facciamo che noi ero nasce da un’idea della attrice: riprende la frase che si pronuncia da piccoli quando si gioca e si finge di essere una persona.  E’ ciò che in fondo fa la Raffaele quando si cala nei panni del personaggio da imitare.

Ogni ruolo nasce dopo un attento studio del personaggio tramite video, foto, interviste per carpire quanto più possibile di lui. Poi inizia la parte interpretativa in cui la Raffaele dà libero sfogo alla fantasia. Ciò che intende offrire l’attrice non è solo una fedele imitazione, ma anche una parte inventata non necessariamente realistica. C’è da sottolineare che ogni personaggio richiede circa quattro ore di trucco  e due di strucco.

La carriera di Virginia Raffaele nasce dalla sua tenacia

Nell’arco della sua carriera Virginia Raffaele ha incontrato tanti “no” e tante porte chiuse in faccia. Alcuni le dissero che non era tagliata per quel mestiere, ma di certo non fecero desistere l’attrice dall’inseguire il suo sogno.

La perseveranza e la sua tenacia l’hanno ripagata alla lunga. Ora è arrivato il traguardo della prima serata, una consacrazione, ma per l’attrice questa è solo una tappa di un lungo viaggio nel mondo televisivo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCompleanno stellare per Valeria Marini per i suoi 50 anni. Presenti numerosi vip.
Prossimo articoloAscolti Tv 14 maggio 2017 | film Il Miracolo di Fatima: quanti l’hanno visto?
mm
Sono una mamma felice di una splendida bimba che sta cercando di fare della mia passione un mestiere. Mio papà faceva il giornalista ed io sono sempre cresciuta in mezzo alla carta stampata, all'odore dell'inchiostro. La curiosità è una delle mie caratteristiche e mi spinge ad addentrarmi all'interno di ogni ambito, per il gusto di sapere. Mi piace scrivere su svariati argomenti, pur prediligendo il gossip. Abito a Parma, città che amo e da vera emiliana amo ridere e stare in compagnia. Buona lettura con i miei articoli!