Fabrizio Corona: angelo o demone?!?

Fabrizio Corona

Come si diventa Fabrizio Corona? O è proprio l’uomo Fabrizio che innesca e muove il personaggio Corona?

Negli anni lo abbiamo visto protagonista di scandali, di cambi repentini di look, di donne strabelle, di amori impossibili ai più, ma per lui facilissime.. Di uno studio sistematico , minuzioso strategico di questo o quel personaggio per lanciarlo nel mondo dello show-biz, puntualmente riuscito.

Poi la follia delle notti milanesi, il delirio, i troppi soldi, il carcere.

Una detenzione  dura,  eccessiva, per qualcuno, che ha dimostrato di essere colpevole , sicuramente, ma di aver scontato una pena troppo alta e assolutamente non bilanciata al pari di chi commette reati ben più gravi quali l’omicidio , lo stupro, e via a seguire.

Ma Fabrizio Corona non smette di sorprendere e lo fa dal suo profilo Fb

 

corona

Non ci sono ancora informazioni succulente in merito , nel senso che non sappiamo se il bel Fabrizio parteciperà al film in veste di attore o sarà solo produttore di questo ,che si appresta a diventare un evento di Natale , al pari di un qualsiasi cine-panettone!!

Il post  ha collezionato quasi 190 condivisioni e più di 2500 likes e moltissimi commenti :

Fabrizio è pronto a rimettersi in gioco dopo il carcere?

Dopo la linea di abbigliamento e dopo il libro edito da Mondadori “ La Cattiva Strada” nel quale ripercorre la sua vita fino ad oggi lo vedremo , dunque , in questa nuova avventura.

Ritornando al libro ,ancora in promozione, ci sono i ricordi della sua infanzia in Sicilia, la sua adolescenza con le prime esperienze , le fascinazioni del mondo milanese della moda, i soldi, il lusso, le macchine veloci.

Le persone che hanno rappresentato i punti fermi di quegli anni e che hanno contribuito , prima alla sua ascesa e poi al suo “declino”. (in realtà è soltanto lui stesso l’artefice del suo destino, gli altri sono stanti un contorno)

Lele Mora, Nina Moric, Belen Rodriguez, ma fra tutti, il punto fermo e saldo ,il modello da emulare, un esempio da seguire, l’unico da cui lasciarsi giudicare e cercare di rendere orgoglioso è il padre: Vittorio Corona.

Infine il carcere, duro , durissimo, la lotta, la resistenza e la speranza.

Una speranza per ridare vita e dignità ad un uomo che fino all’ultimo non ha mai mollato.

A voi cari lettori, decidere se Fabrizio è più un angelo o un demone..

CONDIVIDI