Eddie The Eagle – Il coraggio della follia: trama, recensione e opinioni sul film

Eddie The Eagle

Eddie The Eagle – Il coraggio della follia è i film che tutti dovrebbero guardare e riguardare ogni volta che sono in procinto di mollare, di abbandonare la corsa verso il raggiungimento di un proprio obiettivo. La pellicola di Dexter Fletcher narra la storia era di Eddie Edwards e spinge gli spettatori ad avere coraggio, a credere in se stessi e a lottare per i propri sogni fregandosene di ciò che può dire la gente. Il film lancia quindi un messaggio positivo ed è caldamente consigliato sia ai grandi che ai più piccoli.

Eddie The Eagle – Il coraggio della follia: cast e trama

La regia del film è stata affidata a: Dexter Fletcher

Nel cast di Eddie The Eagle vi sono: Hugh Jackman, Taron Egerton, Christopher Walken, Tim McInnerny, Edvin Endre, Jo Hartley e Ania Sowinski.

Trama

Il film racconta la storia vera di Eddie Edwards, ovvero  il primo saltatore con gli sci che rappresentò la Gran Bretagna alle Olimpiadi Invernali di Calgary del 1988. Nella pellicola si vede il lungo percorso compiuto da Eddie che, prima di raggiungere il suo obiettivo, ha dovuto lottare duramente per poter anche solo pensare di realizzare il suo sogno.

Eddie, infatti, dopo aver tentato e fallito quasi in tutti gli sport, decide di voler provare a tutti i costi il salto con gli sci. Nonostante tutte le prese in giro da parte di compagni e semplici curiosi persiste nel suo intento fino a trovare un buon allenatore che lo prepari ad affrontare le gare.

Al suo fianco arriva quindi l’ex campione Chuck Berghorn che continua ad avere problemi di alcolismo. I due, pian piano, riescono a cambiare rispettivamente le vite uno dell’altro.

Eddie The Eagle – Il coraggio della follia: recensione e opinioni

Non si tratta di un vero e proprio biopic, ma nemmeno, a dirla tutta, di un film sportivo. Il motivo? Ebbene il regista è riuscito a mescolare al meglio le caratteristiche di un genere e dell’altro e a creare qualcosa di nuovo capace di tener gli spettatori incollati allo schermo. Niente retorica, niente stereotipi. Quello che importa davvero è il messaggio che deve passare ai telespettatori. Ecco perché la storia di Eddie, seppur leggermente romanzata e un po’ più distaccata dalla realtà, ha infatti convinto sia il pubblico che la critica.

Il messaggio positivo lanciato dalla pellicola dovrebbe essere un insegnamento molto prezioso da tener sempre ben in mente sia per i grandi che per i piccini. Non bisogna mai arrendersi. Non bisogna mai mollare, soprattutto se si inseguono i propri sogni. Eddie è l’esempio vivente, infatti, che volere è potere. Non importa cosa dicono gli altri, l’importante è ciò che si vuole per se stessi.

Alcuni critici hanno recensito il film raccontando la storia di un nerd che diventa un eroe, ma sarebbe troppo semplicistico ridurre così la battaglia vinta da Eddie.

Il film risulta essere davvero bello e divertente. Le scene scorrono via una dopo l’altra senza alcun problema e poco importa, alla fine, se si riescono a prevedere. Se gli amanti del mistero, della suspense e dell’azione hanno qualche critica da fare possono benissimo andarsi a vedere un thriller.

Ottimo il cast, ma soprattutto fondamentale risulta essere l’intesa fra i due attori protagonisti.

mm
Sono una giornalista pubblicista e amo la televisione, anche i programmi trash. Una mia prof del liceo mi ha insegnato che bisogna avere la mente aperta e guardare sempre tutto. C’è un tempo per ogni cosa: un tempo per  un bel documentario, un tempo per un talk polito e un tempo per Gemma e Giorgio o il GF Vip.   Potrei riguardare all'infinito le puntate di Grey’s Anatomy e Una Mamma per amica. Divisa fra Emilia Romagna e Abruzzo, amo viaggiare e scoprire piccoli angoli di Paradiso anche se il mio habitat naturale è la spiaggia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here