David di Donatello 2017: tutti i vincitori. “Show” di Valeria Bruni Tedeschi, sorella di Carla Bruni.

David di Donatello 2017

La cerimonia di premiazione della 62ª edizione dei David di Donatello (pubblicizzata impropriamente come 61ª) si è svolta il 27 marzo 2017 presso gli Studi De Paolis di Roma, condotta da Alessandro Cattelan e trasmessa in diretta sui canali Sky Cinema, Sky Uno e TV8.

Le candidature sono state annunciate il 21 febbraio 2017. I film che hanno ottenuto il maggior numero di candidature sono :

  • “Indivisibili”, “La Pazza Gioia”, con 17 candidature,
  • “Veloce come il Vento” con 16 candidature.

David di Donatello 2017: Valeria Bruni Tedeschi e il suo discorso

La premiazione dei David di Donatello, non è stata seguita moltissimo ieri sera, giacchè un timidissimo 1,2% di share è quanto ha segnato l’asticella dell’Auditel.

Sicuramente, una cerimonia in cui è mancato l’elemento comico, e che la sola presentazione di Cattelan, benchè meno nervoso dell’anno precedente, non ha brillato per simpatia!!

Unica nota di colore, se così si può definire, è il discorso di ringraziamento, dell’attrice Valeria Bruni Tedeschi( sorella della assai nota Carla) che non ha dimenticato di menzionare persino la sua psicanalista, e gli uomini che l’hanno abbandonata!

Non sapevo la cosa dei 45 secondi. Vorrei condividere questo premio con Micaela Ramazzotti, perché senza Donatella, Beatrice non potrebbe esistere, un po’ come Stanlio e Ollio…

Cerco di fare in fretta.

Ringrazio Franco Basaglia, che cambiò radicalmente l’approccio della malattia mentale in Italia. Ringrazio Paolo Virzì, che mi guarda da anni con tenerezza, allegria e senza paura.

Ringrazio la mia amica Barbara, che mi propose ufficialmente la sua amicizia il primo giorno d’asilo e mi dette un po’ della sua focaccia, facendomi sentire magicamente non più sola.

Ringrazio le mie amiche e i miei amici, senza i quali non potrei vivere (ride e piange) e la mia povera psicanalista.

Faccio in fretta. Ringrazio Leopardi, (ride) Ungaretti, (ride) Pavese, ma soprattutto Natalia Ginzburg, i cui libri mi illuminano e mi consolano.

Ringrazio Anna Magnani, Gena Rowlands e suo marito, De Andrè, mia madre, mia sorella, mia zia.

Ringrazio di nuovo Paolo Virzìper avermi offerto di interpretare questo personaggio meraviglioso, triste, buffo e fantasioso e tutti i registi che mi hanno accolto nei paesi della loro fantasia, e in anticipo ringrazio quelli che forse mi accoglieranno ancora e mi permettono di vivere questa vita parallela che è il cinema.

Ringrazio gli uomini che mi hanno amata e che ho amato, e anche quelli che mi hanno abbandonata… perché mi sento fatta di tutti loro ed è a loro che mi racconto.

Ringrazio gli sconosciuti che mi fecero un sorriso, un gesto, nei giorni più bui, ringrazio i miei due meravigliosi bambini e grazie a voi, scusatemi“

Stefano Accorsi Miglior Attore ai David di Donatello 2017

Insomma, una travolgente Valeria Bruni, molto diversa dall’algida sorella, che con la sua reazione tra gioia e pianto ha pensato a riscaldare una serata fin troppo gelida, non supportata da un pubblico coinvolgente e coinvolto, piuttosto  avaro nel concedere  appalusi.

Nelle due ore di messa in onda,  le premiazioni sono state piuttosto eque, suddividendosi tra:

  • Veloce come il Vento (con Stefano Accorsi miglior attore protagonista)
  • e Indivisibili,
  • mentre Fai bei Sogni è invece rimasto a bocca asciutta.

Ci sono state inoltre l’esibizione di  Manuel Agnelli (che ha portato sul palco la causa per Giulio Regeni) e il premio alla carriera di Roberto Benigni

David di Donatello 2017: tutti i vincitori

MIGLIOR FILM: La pazza gioia – regia di Paolo Virzì

MIGLIOR REGIA: Paolo Virzì – per La pazza gioia

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: Nicola Guaglianone, Barbara Petronio, Edoardo De Angelis per Indivisibili

MIGLIOR SCENEGGIATURA ADATTATA: Gianfranco Cabiddu, Ugo Chiti, Salvatore De Mola per La stoffa dei sogni

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA: Stefano Accorsi per Veloce come il vento

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA: Valeria Bruni Tedeschi per La pazza gioia

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Valerio Mastandrea per Fiore

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Antonia Truppo per Indivisibili

MIGLIOR PRODUTTORE: Attilio De Razza, Pierpaolo Verga per Indivisibili

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA: Michele D’Attanasio per Veloce come il vento

MIGLIORE MUSICISTA: Enzo Avitabile per Indivisibili

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE: Dal film Indivisibili “Abbi pietà di noi”

MIGLIORE SCENOGRAFO: Tonino Zero per La pazza gioia

MIGLIOR COSTUMISTA: Massimo Cantini Parrini per Indivisibili

MIGLIOR TRUCCATORE: Luca Mazzoccoli per Veloce come il vento

MIGLIOR ACCONCIATORE: Daniela Tartari per La pazza gioia

MIGLIOR MONTATORE: Gianni Vezzosi per Veloce come il vento

MIGLIOR SUONO:Presa diretta: Angelo Bonanni – Microfonista: Diego De Santis – Montaggio e Creazione suoni: Mirko PERRI – Mix: Michele Mazzucco per Veloce come il vento

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE: Marco Danieli per La ragazza del mondo

MIGLIOR DOCUMENTARIO: Crazy for football di Volfango De Biasi

MIGLIORI EFFETTI DIGITALI: Artea Film & Rain Rebel Alliance International Network per Veloce come il vento

MIGLIOR FILM DELL’UNIONE EUROPEA: Io, Daniel Blake di Ken Loach

MIGLIOR FILM STRANIERO: Animali notturni di Tom Ford

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: A casa mia di Mario Piredda

DAVID GIOVANI (votato da oltre seimila studenti di scuole superiori):Pierfrancesco Diliberto per In guerra per amore

CONDIVIDI
Articolo precedenteAmici 2017: Morgan, direttore artistico dei Bianchi al serale di Amici 16, racconta la sua esperienza da coach
Prossimo articoloIsola dei Famosi 2017: anticipazioni nona puntata e diretta streaming
mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..