Cristina D’Avena: “Io al 60° Zecchino d’Oro? Spero che Carlo Conti mi chiami”

cristina d'avena

A poche settimane dalla morte di Tortorella, Cristina D’Avena confessa:

Mi sento orfana. Mi manca ogni giorno di più. Spero che Carlo Conti mi chiami per il 60° Zecchino d’Oro. Sarebbe molto, molto importante per me far parte di questa edizione, in sé molto particolare.

Ci siamo sentiti e mi auguro davvero che mi chiami. Me lo auguro con tutto il cuore

Cristina D’Avena allo Zecchino D’Oro?

Sette i milioni di dischi venduti finora dalla D’Avena, amatissima dai piccini e dai più grandi,  la cui carriera è iniziata a 3 anni e mezzo con quel “Valzer del Moscerino” cantato proprio allo Zecchino al cospetto del “Mago Zurlì”, cui ha dovuto dire addio lo scorso 23 marzo:

Lui è stato davvero un mio grande amico, una persona che ho sempre stimato, che mi ha dato mille consigli. Mi manca ogni giorno di più… sai com’è, quando qualcuno scompare lì per lì non te ne rendi neanche conto e invece ogni giorno che passa ne senti di più la mancanza.

Proprio in questi giorni ci saremmo dovuti sentire per le celebrazioni del 60° Zecchino d’Oro… Cino era un riferimento per qualunque cosa, come lo è stato Mariele (Ventre). Adesso siamo un po’ orfani, a dire la verità. Non c’è più nessuno…

E con queste parole toccanti che Cristina D’Avena  la beniamina dei più piccoli, dimostra l’affetto per il compianto Cino Tortorella, il Mago Zurlì che tenne a battesimo la sua carriera!

Parole che hanno il sapore di un appello, rivolto a Carlo Conti che quest’anno sarà il Direttore Artistico della 60esima edizione dello storico Festival della Canzone per bambini.

Un appello che arriva dai microfoni di RunRadio.it, la web radio dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli che l’ha intervistata in occasione dell’uscita de I Puffi – Viaggio nella Foresta Segreta terzo capitolo della saga cinematografica – in cui la D’Avena doppia il nuovo personaggio di Mirtilla e per il quale ha realizzato una dance version di Noi Puffi Siam Così, indimenticata sigla della serie animata anni ’80.

L”appello’, intanto, a Carlo Conti è stato lanciato: proprio lui, del resto, la accolse a Sanremo 2016, dove la D’Avena arrivò a ‘furor di social’ con un medley dei suoi maggiori successi

CONDIVIDI
Articolo precedenteSimona Ventura nuovo giudice di “Tu Si Que Vales”?
Prossimo articoloAmici 16: Emma Marrone sostituisce Morgan come coach?
mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..