Cino Tortorella è morto: il suo mago Zurlì fece sognare grandi e piccini.

Cino Tortorella

Alla soglia dei novant’anni, si è spento l’autore e regista che ha dato vita allo spettacolo per eccellenza dedicato ai bambini

Felice Tortorella, meglio noto come  Cino è stato un conduttore televisivo e autore televisivo italiano, la cui immagine è legata sostanzialmente alla manifestazione canora per bambini Zecchino d’Oro, che ha ideato e condotto dal 1959 al 2008, interpretando per lungo tempo il personaggio di Mago Zurlì.

E’ morto il Mago Zurlì: la tv dà l’addio a Cino Tortorella

Lo storico conduttore de “Lo Zecchino d’Oro” è nato a Ventimiglia  il 27 giugno 1927 e il prossimo giugno avrebbe compiuto 90 anni. L’autore e regista, si è spento alla soglia dei novant’anni  a Milano. Tantissimi i messaggi di cordoglio per un personaggio che ha fatto la storia dello spettacolo italiano.

Cino Tortorella, grande appassionato di gastronomia, ha firmato tantissimi altri programmi di punta della Rai, quali:

  • “Chissà chi lo sa?”, trasmesso per ben dodici anni, ‘
  • “Scacco al re” e
  • Dirodorlando”

Inoltre ha collaborato alla stesura di numerosi programmi per l’emittente Antenne 3 :

  • Autore (con Enzo Tortora) e regista di Il Pomofiore
  • Autore (con Ettore Andenna) e regista de Il Napoleone e La Bustarella
  • Autore e regista di Classe di ferro
  • Autore e regista di Strano ma vero
  • Autore e regista di Ric e Gian Show
  • Autore di Una fetta di sorriso
  • Autore di Incrocia la fortuna
  • Autore e conduttore di Birimbao
  • Autore e conduttore di Zecchino Story.

Cino Tortorella, e l’idea di Mago Zurlì

Abbandonati gli studi di giurisprudenza, partecipò alla selezione della Scuola d’Arte Drammatica del Piccolo Teatro di Milano dove promosse la messa in scena di uno spettacolo teatrale per ragazzi da cui nacque la figura del Mago Zurlì.

Era il 1957, quando andò in onda un programma televisivo dal titolo “‘Zurlì, mago del giovedì’, programma  dal quale prese spunto poi  lo Zecchino d’Oro.

La nascita di “Lo Zecchino d’Oro”

Era il 1959 quando lo spettacolo canoro per bambini andò in onda per la prima volta e, da allora e per ben cinquantuno anni, fu sempre Cino Tortorella a condurlo vestendo i  panni del Mago Zurlì, figura molto amata dai bambini soprattutto per i siparietti giocosi con il pupazzo Topo Gigio.

La notizia della morte di Cino Tortorella ha colpito l’intero mondo dello spettacolo e tutti i bambini – oggi adulti – che ricordano con affetto Mago Zurlì: se ne va, così, un pezzo della storia delle televisione italiana

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl paradiso per davvero | Il film da vedere in TV stasera 24 marzo
Prossimo articoloMediaset: contratto rinnovato per Paolo Bonolis, tornano amate trasmissioni
mm
Mi piace leggere, seguire tv, cinema, spettacolo, gossip, politica, e mi piace sognare... Amo tutto ciò che è latino/americano infatti via web seguo programmi americani e argentini.Odio le persone invadenti e stupide, ipocrite e bigotte, cattive e invidiose .Che non ti guardano mai negli occhi perchè sono impegnate a guardare altrove, magari ad imparare a memoria i vestiti che indossi. Quelle che ti interrompono mentre parli e che pensano che il mondo giri intorno a loro.. Quelle che pensano di sapere tutto, e di avere la verità in tasca. A quelli che si ammantano di luce e di saggezza, ma che in definitiva sguazzano nella loro m..... che, a loro dire, puzza meno di quella degli altri. Detesto l' ipocrisia in tutte le sue sfumature.Detesto la lealtà politica(non ve ne è nessuna) Amo le persone schiette, dirette, che non hanno paura di prendere posizione anche se risulta molto impopolare. Amo la sincerità, anche se fa male . Il rispetto, sopra ogni cosa è qualcosa di nobile e seducente che suscita un interesse immediato..