Buon 90esimo compleanno, Chuck Berry, il “Re del rock and roll”!

Charles Edward Anderson Berry, meglio conosciuto come Chuck Berry spegne quest’oggi ben 90 candeline! Nato a Saint Louis in Missouri (Stati Uniti) il 18 ottobre 1926, Chuck è stato ribattezzato il vero padre del rock and roll (checché ne dicano i fan di Elvis Presley!).

Famoso è il tributo al cantautore, chitarrista e compositore di St. Louis nel film “Cadillac record”.

A Mr. Berry, infatti, viene riconosciuto il merito di aver contribuito ad abbattere le barriere sociali tra bianchi e neri grazie alla sua incredibile musica!

Ma ripercorriamo brevemente la sua carriera musicale.

L’infanzia e l’adolescenza di Chuck

Chuck Berry, come tutti gli adolescenti della sua età, si scontra e lotta contro le ingiustizie dovute ai pregiudizi razziali ed alla prepotenza della classe dirigente bianca.

Questa situazione rende turbolento il ragazzo di St. Louis, al punto da trascorrere molti anni in riformatorio per la spiccata tendenza a delinquere.

Durante gli episodi di detenzione, tuttavia, Chuck conosce dei musicisti e si innamora ben presto del blues e di quello che diverrà ben presto il suo più grande amore: la chitarra.

Dopo essere uscito di prigione ed aver sposato la sua fidanzata Themetta “Toddy” Suggs, dalla quale avrà una bimba, Berry si rimboccherà le maniche per lavorare.

Ciononostante, la passione per la musica e per vari generi musicali lo porterà ad esibirsi in vari locali, fino all’incontro decisivo con il grande Muddy Waters.

Quest’ultimo, infatti, presenta ed accoglie Chuck nella grande famiglia della “Chess Records di Chicago”.

Leonard Chess, titolare della precitata etichetta discografica, rimane stregato dal riadattamento musicale di Berry su un classico country & western di Bob Willis.

Chuck Berry, quindi, sarà spinto nel 1955 da Leonard Chess ad incidere un brano che porterà il nome finale di “Maybelline”. Questo sarà l’inizio del successo del grande Chuck Berry.

Il primo nero a convincere i bianchi

Tra i numerosi soprannomi attribuiti a Chuck Berry c’è anche “crazy legs” (“gambe pazze”), visto il suo moto perpetuo sul palco.

Il ragazzo di St. Louis è stato, altresì, ribattezzato “il primo cantante nero a convincere lo scettico pubblico bianco”.

La rivista Rolling Stone lo ha inserito al quinto posto nella lista dei 100 migliori artisti di sempre, alle spalle di Beatles, Bob Dylan, Elvis e Rolling Stones.

Ma come affermò lo stesso John Lennon:

«Se vuoi dare un altro nome al Rock and Roll, puoi chiamarlo Chuck Berry: noi tutti gli dobbiamo molto».

Lennon, infatti, ammise a chiare lettere che senza la musica di Chuck, molti artisti come Elvis Presley, Bob Dylan, i Beatles ed i Rolling Stones probabilmente non avrebbero raggiunto lo stesso successo.

Chuck Berry è stato il primo ad aver utilizzato la scala pentatonica negli assolo di rock, la cosiddetta “double-stop”.

Grazie a questa innovazione, Berry portò uno strumento – la chitarra – a gareggiare ed a primeggiare sulla voce, impensabile nel panorama musicale fino agli anni ’50.

Tra i suoi più grandi successi, il brano “Johnny Be Good”, reso celebre dal giovane Michael J. Fox nel film ‘Ritorno al futuro’.

Ignoriamo per un giorno le vicende giudiziarie che hanno ‘arrestato’ (in tutti i sensi) Chuck Berry e la sua sfolgorante carriera musicale.

La Super Guida augura al padre del Rock and roll

Buon novantesimo compleanno!!”

con questo omaggio musicale:

CONDIVIDI
Articolo precedenteProgrammazione tv – prima serata – 18 ottobre 2016
Prossimo articoloGrande Fratello Vip: resoconto di una puntata piena di colpi di scena!!
mm
Sono una web writer in erba ed un'aspirante copywriter. Da sempre subisco il fascino delle parole in tutte le sue forme: forse non è un caso che il mio nome (Eufemia, dal greco “ eu phemì ” = colei che parla bene) contenga un verbo che significa 'parlare, dire, raccontare, etc'. Scrivere, infatti, rappresenta una delle mie più grandi passioni assieme al canto, alla musica ed ai viaggi. Sono una vera divoratrice di pellicole cinematografiche, amo i ‘courtroom drama’ - i film che si svolgono prevalentemente nelle aule di giustizia - e tutti i thriller. Per me, attori come Al Pacino, Robert De Niro e Jack Nicholson sono mostri sacri del cinema. Le serie tv che non smetterei mai di rivedere, invece, sono ‘Gomorra’, ‘How to get away with murder’ e ‘Lie to me’ (anche se vorrei trovare il tempo per vedere ‘House of cards’ e ‘Mad Men’).