Anticipazioni Report, puntata di lunedì 12 novembre 2018

REPORT RAI 3

Nuovo appuntamento con “Report”, il programma di inchieste condotto da Sigfrido Ranucci: ecco le anticipazioni di lunedì 12 novembre 2018

Torna in prima serata su Rai3 “Report“, il programma di attualità ed informazione condotto da Sigfrido Ranucci che coordina l’intera squadra di giornalisti ed inviati del programma. Ecco le anticipazioni e le inchieste al centro della puntata di lunedì 12 novembre 2018.

Report puntate 2018: lunedì 12 novembre

Lunedì 12 novembre alle ore 21.15 torna su Rai3 “Report”, con tre nuove inchieste. Padrone di casa ancora una volta Sigfrido Ranucci. Ecco alcuni dettagli ed anticipazioni sulle tre inchieste al centro della puntata.

La prima inchiesta si chiama “L’apostolo dell’antimafia” ed è firmata da Paolo Mondani con la collaborazione di Norma Ferrara. Per dieci anni Antonello Montante è stato a capo degli industriali siciliani che hanno detto “no” al pizzo ma dal maggio scorso è in carcere con l’accusa di associazione a delinquere per corruzione e per aver creato una rete che spiava politici, giornalisti e magistrati.

Si tratta di Antonio Calogero Montante, detto Antonello, imprenditore siciliano costruttore di biciclette nato a Serradifalco, un paesino in provincia di Caltanissetta. All’interno della sua abitazione sono stati ritrovati archivi pieni di fascicoli riguardanti i suoi nemici, ma anche i vertici dei servizi segreti civili, esponenti delle forze dell’ordine, il senatore Renato Schifani e l’ex governatore della Sicilia Rosario Crocetta.

Per diversi anni Confindustria ha deciso la strategia dello Stato sull’Antimafia ed è stato Antonello Montante ad anticipare la linea che oggi vuole svuotare la normativa sui certificati antimafia per le aziende e consegnare ai privati la gestione dei beni confiscati alla criminalità.

L’inchiesta di Paolo Mondani si domanda: chi ha creato questo falso eroe e perché? A cosa serviva la rete di spionaggio gestita da Montante? Ma soprattutto cosa avevano in comune importanti magistrati antimafia, uomini delle istituzioni, del mondo politico e della società civile con questo finto paladino della legalità? Quali sono gli accordi siglati “in nome dell’Antimafia” fra pezzi di Stato e pezzi di Confindustria?

Le inchieste di lunedì 12 novembre

Durante la puntata di Report di lunedì 12 novembre spazio poi all’inchiesta “Se la pillola va giù” di Francesca Ronchin e Carla Rumor, con la collaborazione di Greta Orsi. Al centro dell’inchiesta il falso mito degli integratori. Si tratta di un mercato in continua crescita ed espansione visto che, dati alla mano, sono circa un italiano su tre a farne uso.

Basti pensare che il mercato di pillole e bibitoni solo in Italia vanta ben tre miliardi di euro. Sono ben 212 milioni le confezioni vendute, senza considerare le vendite on line. Dati record con il nostro Paese al primo posto in Europa per consumo di queste sostanze. Intanto l’Associazione dei farmacisti ha tuonato: “Serve una legislazione più stringente, che impedisca possibili abusi a danno del paziente”.

Infine la terza ed ultima inchiesta di puntata è “Memoria a breve termine” firmata da Cecilia Andrea Bracci. Quotidianamente vengono prodotti diversi milioni di miliardi di gigabyte. La nostra fame di byte cresce così tanto da renderci ciechi di fronte all’evidenza: potremmo alzarci, nel 2100, e non essere più capaci di leggere quella sequenza di 0 e 1 che avevamo diligentemente salvato in un hard disk venti anni prima.

Potremmo addirittura ritrovarci a guardare al ventunesimo secolo come un nuovo Medioevo: un’epoca in cui si è prodotto troppo per poi non riuscire a conservare niente. Ma dove vengono salvati i nostri dati, a quale costo? E soprattutto, c’è spazio sufficiente per tutti e per tutto?

L’appuntamento con Report è il lunedì in prima serata su Rai 3.

Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here