Addio a Pippo Caruso, maestro e autore di successo

Pippo Caruso morto

Lutto nel mondo dello spettacolo: è morto Pippo Caruso, maestro e direttore d’Orchestra Rai di Roma e Milano nonché spalla storica di Pippo Baudo

Il mondo dello spettacolo e della musica piange il maestro Pippo Caruso. A darne il triste annuncio è l’amico di tante avventure Pippo Baudo che ha dichiarato: “sono distrutto dal dolore“.

E’ morto Pippo Caruso

Si è spento all’età di 82 anni Pippo Caruso. Una notizia che ha scosso il mondo dello spettacolo che in queste ora ha riempito i social con messaggi di cordoglio. Una vita dedicata alla musica e allo spettacolo quella di Pippo Caruso, nato il 22 dicembre del 1935 a Belpasso, in provincia di Catania.

Maestro e direttore d’Orchestra per la Rai di Roma e Milano, ma anche dell’Orchestra di Sanremo, della città di Roma, del Lazio, Caruso è stato anche compositore ed autore di successo. Braccio destro di Pippo Baudo, Caruso debutta nel mondo televisivo nel 1973 a Canzonissima scrivendo la sigla “Ruota Libera“.

Pippo Caruso, direttore d’orchestra e non solo…

Poi il grande successo: partecipa a tantissimi programmi che hanno segnato la storia della televisione italiana. Da “Fantastico” a “Serata d’onore“, da “Numero Uno” a “Domenica In” fino al Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Esperienze uniche ed indimenticabili che Caruso ha condiviso con il suo amico di sempre Pippo Baudo, a cui è toccato il difficilissimo compito di annunciare la sua morte.

Indimenticabile il jingle “Perchè Sanremo è Sanremo” creato con il Pippo Nazionale! Durante la sua straordinaria carriera ha contribuito in parte al successo di due giovanissime: Heather Parisi e Lorella Cuccarini. Tra i suoi brani di successo ricordiamo “L’amore è“, sigla di Fantastico 7 cantata da Lorella Cuccarini e Alessandra Martines, “Il maestro di violino”, “Johnny Bassotto”, “La tartaruga”, “Isotta” e “Ancora“. Ma non finisce qui, Pippo Caruso ha scritto e lavorato con grandi nomi della musica italiana. Da Domenico Modugno a Mia Martini, da Bruno Lauzi a Alberto Sordi, da Lino Bandi a Ornella Vanoni e tanti altri. Ha diretto poi grandi star internazionali come Liza Minelli, Celine Dion, Charles Aznavour, Michael Bublè, ecc.

Non solo televisione, ma anche cinema. Diverse le colonne sonore pensate per il grande schermo. Da “Maladolescenza” a “Porca società“, da “L’occhio dietro la parete” e “Le evase – Storie di sesso e di violenze e Massimamente folle

Pippo Caruso morto: le parole di Pippo Baudo

Sono distrutto dal dolore per la perdita di un carissimo amico“. Con queste parole Pippo Baudo ha annunciato la morte di Pippo Caruso.

Baudo ha poi sottolineato quanto l’amico abbia contribuito con la sua arte a segnare la storia della musica italiana. “Pippo Caruso era un maestro dolcissimo, era amatissimo dai suoi musicisti. Ha segnato la storia della nostra canzone, un’epoca importante dello spettacolo e della cultura in Italia. Con lui se ne è andato un amico fraterno” ha detto Baudo.

Parole di stima e di affetto quelle pronunciate a poche ore dalla sua scomparsa. Di lui Baudo ha ricordato: “era bravo e veloce. Riusciva a comporre canzoni di successo in pochissimo tempo: ne sfornava tantissime, ed erano tutte belle. Era una carissima persona e un artista straordinario al quale ero legatissimo. Mi mancherà“.

I funerali di Pippo Caruso si terranno, martedì 29 maggio 2018, alle ore 16.00 presso la Chiesa di Santa Croce di Passo Corese, una frazione del Comune di Fara in Sabina (provincia di Rieti).

Testardo, sognatore, ironico, logorroico, attento osservatore e curioso all'ennesima potenza. Campano di origini, ma alla continua ricerca del suo posto nel mondo si laurea in Scienze Politiche e contemporaneamente completa il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. Consumatore di dischi, tele-dipendente, appassionato di cinema e serie tv. Diverse le collaborazioni: dalla carta stampata fino al passaggio al giornalismo online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here