Tiziano Ferro ospite a Sanremo – Polemiche sulla (presunta) destinazione del suo cachet

In una recente intervista al settimanale Vanity Fair, Tiziano Ferro ha confessato il desiderio di diventare padre, con o senza un compagno.

Il cantante, tornato a casa per il Natale, ha vissuto a Los Angeles quest’anno, non solo per lavoro…

Proprio su Vanity Fair aveva fatto coming out 6 anni fa. Dopodiché è stato fidanzato per 4 anni e quando la storia è finita si è ritrovato incapace di stare da solo. Voleva ossessivamente qualcuno con lui. Così ha avuto diverse relazioni, tutte però di poca durata.

Allora mi sono detto: non è che forse devi stare un po’ da solo?

E così ho fatto, e sono stato molto bene.

E veniamo alla parte saliente dell’intervista. Alla domanda “Il figlio che sogna tanto, lo vorrebbe anche da solo?” Tiziano risponde:

Sono in America anche per questo. Frequento incontri per aspiranti genitori e mi sono reso conto che c’è molta razionalità da mettere in questo progetto, lo slancio non basta. Diciamo che se il cuore riesce a superare la quantità di burocrazia richiesta, allora il figlio lo vuoi per davvero.

Comunque sì, per rispondere alla sua domanda, un bambino lo vorrei anche se sono solo. Spero però di trovare una persona con cui condividere questo sogno. Ma se poi incontro qualcuno che di figli non ne vuole? […] credo che su certe cose importanti si debba essere d’accordo in una coppia. Vedremo, insomma.

Tiziano Ferro ospite a Sanremo 2017

Il cantante di Latina sarà il primo super ospite di Carlo Conti alla 67a edizione del Festival di Sanremo.

Il conduttore fiorentino si è dimostrato particolarmente felice del ritorno di Tiziano sul palco dell’Ariston. Fu ospite infatti 2 anni fa, quando Conti conduceva per la prima volta il Festival.

Tiziano Ferro si esibirà nel corso della serata d’apertura, martedì 7 febbraio 2017.

Ma non tutti gradiscono: le polemiche di Mario Adinolfi

Il leader del partito Il Popolo della Famiglia, Mario Adinolfi, che ha sempre da dire la sua su tutti, anche in questo caso ha fatto polemica.

Scrive questo post su Facebook:

Per poi continuare il suo sfogo su Il Giornale:

Apprendo con stupore che le famiglie italiane anche quest’anno dovranno pagare un lauto cachet a un testimonial della maternità surrogata al Festival di Sanremo 2017. Dopo lo squallore del nastrino arcobaleno obbligatorio del Festival 2016, con i super ospiti internazionali Elton John e Nicole Kidman, entrambi fruitori di uteri affittati, Carlo Conti insiste nel propinarci personaggi che comprano bambini partoriti da donne costrette per bisogno a venderseli.

[Tiziano Ferro] affitterà l’utero per diventare “padre da solo” […] utilizzando il ricco cachet di Sanremo pagato dalle mamme e dai papà italiani con il canone in bolletta elettrica?

Considerazioni personali

Premetto che non intendo esprimere la mia opinione su affittuari di madri surrogate e non, e quindi non mi schiererò da una parte o dall’altra.

Semplicemente non condivido le parole di Adinolfi, pesanti, offensive e false, rivolte ad un programma storico della tv italiana, nonché ad un professionista serio come Carlo Conti e ai suoi ospiti.

Il nastrino arcobaleno obbligatorio? Ma quale obbligatorio? Gli artisti saliti sul palco hanno deciso con la propria testa se partecipare o no all’iniziativa.

Se questi artisti della musica e del cinema arrivano al Festival non è certo per sponsorizzare il modo in cui hanno avuto o intendono avere figli.

Inoltre Tiziano Ferro nella sua intervista non ha parlato di maternità surrogata, potrebbe anche optare per l’adozione, chissà… Resta il fatto che sono affari suoi!

Ricordiamo, infine, che adinolfi ha anche criticato il film di animazione Kung fu… in quanto, il fatto che il protagonista ha due papà … incentiverebbe il genderiso