Strange love, storie di persone comuni

strange love

Esiste davvero l’anima gemella? E se sì, come possiamo trovarla? Se la risposta a questa domanda è complicata per le “persone comuni”, immaginiamo come potrebbe essere per altre “persone normali”, ma con qualche piccola anomalia fisica. A queste e a molte altre domande cerca di trovare una risposta il programma: Strange Love

vediamo insieme di cosa si tratta

E’ un formata stelle e strisce”; Appartiene al genere documentario;

E’,attualmente, composta da una stagione; Ogni puntata ha una durata media di circa venti minuti.

Ciò che, con ogni probabilità, ha contribuito a fare appassionare a questo format, prima il pubblico del piccolo schermo americano, ed ora quello del nostro Paese, è il fatto di raccontare storie di persone comuni, con le quali ognuno di noi si può identificare, alle quali, però, la natura ha voluto dare “una marcia in più”, giocando un po’ con il loro aspetto, ecco qualche esempio di cosa vedremo:

– il “caso” di una donna con i capelli lunga circa quattro metri;

– un altro di un’altra donna con fianchi larghissimi;

– e ancora, un’altra con unghie dalla lunghezza un po’ anomala;

– infine, quello di una donna barbuta…

Quindi, se vi piacciono i programmi che parlano di storie d’amore, di qualsiasi tipo, non vi resta che sintonizzarvi su Real Time e…

E’ possibile vedere tutte le puntate nella sezione OnDemand di SuperGuidaTV, se non conoscete questa sezione provatela 🙂

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl film da vedere stasera, 23 febbraio – Trainspotting
Prossimo articoloIsola dei Famosi 2017: televoto annullato, ecco chi si è ritirato!!
Mi chiamo Chiara, ho 27 anni e la mia più grande passione è la scrittura, che coltivo sin da quando posso ricordare. Nel tempo libero oltre a scrivere (per lo più racconti) mi piace molto anche leggere, ascoltare musica e guardare la televisione (in particolare serie tv poliziesche e programmi reality/tutorial, che trovo molto interessanti perché permettono sempre di imparare cose nuove). Infine un’altra mia grande passione sono i bambini, con i quali ho anche l’ambizione di poter lavorare o come educatrice di asilo nido (lavoro per cui sono abilitata da una laurea) o come baby sitter. Di loro mi piace soprattutto la loro genuinità ed il fatto che sono privi di filtri e che trasmettono molta allegria.