Rivoluzione UE, addio geoblocking: Programmi tv visibili ovunque

geoblocking

Netflix, Sky & Co saranno visibili dagli abbonati in tutta l’UE. C’è una grossa e bella sorpresa per tutti nell’uovo di Pasqua. Da domenica 1 aprile, infatti, grazie ad una rivoluzione ad opera dell’Ue, programmi tv e serie saranno visibili ovunque. Finalmente arriva la portabilità dei contenuti. Di cosa si tratta?

Netflix, Sky & Co: arriva la portabilità dei contenuti

Netflix, Sky & Co saranno visibili anche oltre i confini dell’Italia. Accadrà il 1° aprile 2018, ma non sarà uno scherzo, anzi un bellissimo regalo di Pasqua. Finalmente arriverà la portabilità dei contenuti e si potrà così iniziare a dire addio al geoblocking.

Di cosa si tratta? I cittadini europei che hanno sottoscritto abbonamenti digitali nel proprio Paese potranno utilizzarli anche quando si sposteranno in altri Stati membri dell’Ue. E’ questa la portabilità dei contenuti. I detentori di abbonamenti digitali potranno accedere ai contenuti per cui hanno pagato ovunque si trovino nell’UE.

Saranno così visibili programmi tv, serie tv, partite della propria squadra del cuore e film.

Il vicepresidente della Commissione europea Andrus Ansip e la commissaria Mariya Gabriel hanno annunciato questa importante novità spiegando:

I cittadini sono al centro di tutte le nostre iniziative digitali. A partire dal 1 aprile, ovunque si rechino nell’UE i cittadini non dovranno più perdersi i film, le serie televisive, le trasmissioni sportive, i giochi o gli e-book per i quali hanno sottoscritto un abbonamento digitale nel proprio paes”.

Entrambi hanno poi aggiunto che: “La normativa si applicherà ai servizi a pagamento, ma i fornitori di contenuti gratuiti potranno decidere di applicarla.

La normativa è stata messa in campo per venir incontro alle esigenze degli utenti. Tra il 2010 e il 2014, infatti, la spesa dei consumatori per i servizi di streaming video in abbonamento è infatti aumentata del 113% all’anno.

Sky e la portabilità dei contenuti: l’annuncio ai propri clienti

In vista di queste important novità introdotte dalla normativa europea Sky ha comunicato ai propri clienti che potranno accedere anche dall’estero, senza costi aggiuntivi, a una selezione di programmi inclusi nel proprio bouquet.

Il piano “Porta Sky in Europa“, a quanto pare, prevede la possibilità di fruizione in tutti i paesi della UE come: dall’Austria al Belgio passando per la Bulgaria, Cipro, la Croazia e la Danimarca, ma anche dalla Francia alla Germania passando per la Grecia, l’Irlanda, il Portogallo ed il Regno Unito.

Cosa dovranno fare gli utenti? Nulla di diverso rispetto a ciò che già fanno. Basterà, infatti, accedere tramite il proprio smartphone o tablet alle app con il proprio Sky iD utilizzato sui dispositivi che si utilizzano comunemente in Italia e scegliere il programma che si vuole guardare.

E’ davvero la fine del geo-blocking?

Sì, ma solo per i servizi a pagamento. I fornitori di servizi di contenuti on-line gratuiti, come ad esempio Rai e Mediaset, potranno scegliere se adeguarsi o meno alle nuove norme. Non è detto che lo facciano.

Quindi, in definitiva, se avete Sky, Amazon, Netflix e per guardare contenuti pagate un abbonamento allora li potrete vedere dove volete. Se, invece, per i vostri programmi e serie tv utilizzate i “classici” servizi free le restrizioni potrebbero dunque rimanere.  

CONDIVIDI