Massimo Giletti e l’Arena: la verità del conduttore!

Massimo Giletti

“Non ho ancora preso una decisione”. A parlare è Massimo Giletti in una intervista rilasciata a Libero.

Il conduttore rompe finalmente il lungo silenzio dopo che tanto si è parlato dell’Arena e della sua chiusura.

Niente più appuntamento domenicale con i dibattiti dunque. A Giletti in cambio è stato offerto di condurre alcune serate.

Ma il conduttore cinquantacinquenne è ancora in dubbio sul fatto se restare nel servizio pubblico radiotelevisivo o migrare su altri lidi.

La verità di Massimo Giletti

Il conduttore fa una pesante affermazione che coinvolge la Rai.

Dalla Rai si entra e si esce. Spesso ho trovato in questa azienda persone che non mi hanno aiutato, anzi hanno cercato di ostacolarmi.

Però per fortuna non tutta l’azienda gli ha messo i bastoni fra le ruote.

C’era poi una parte sana che mi dava una mano perché sapeva come lavoravo. E si stava a galla con gli ascolti.

Il riferimento che fa Giletti è ai numeri record che ogni domenica gli regalavano la leadership assoluta del pomeriggio (4 milioni e rotti, oltre il 20% di share).

Giletti e quella domanda sulla sua appartenenza politica. Il conduttore si definisce uno spirito libero e un anarchico, non facilmente influenzabile.

Giletti fa poi una interessante confessione riguardo ad un episodio accadutogli. Un direttore generale lo fece chiamare dopo l’ennesima telefonata di protesta del politico di turno.

Una volta lì, lo interrogò per conoscere da che parte stesse politicamente.

GLI RISPOSI: “SE NON LO CAPISCE VUOL DIRE CHE FACCIO BENE IL MIO LAVORO”.

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, animali televisivi

La chiacchierata continua ad evidenziare il carattere anti-casta del suo lavoro, che gli ha regalato successo ma anche critiche.

Sono contro le ingiustizie e i poteri forti che si approfittano della loro posizione e non fanno bene il loro mestiere; un conduttore deve stimolare il cambiamento.

Giletti ebbe l’occasione di intervistare sia Renzi che Berlusconi. Dotati di grande dialettica entrambi, definisce Renzi figlio di Berlusconi, mediaticamente parlando.

Sono due animali televisivi

Infine, sulla concorrenza di Barbara D’Urso è molto corretto, da buon dirimpettaio.

Abbiamo storie diverse, ognuno fa la sua televisione.

Giletti futuro a Mediaset?

Piersilvio Berlusconi ai giornalisti presenti alla convention sui palinsesti Mediaset, ha parlato di Fabio Fazio e di Massimo Giletti.

Abbiamo parlato con Fazio, ma eravamo lontani da un accordo.

ha svelato Piersilvio in quel di Montecarlo.

Su Massimo invece, le cose sono un po’ diverse. Berlusconi junior non chiude affatto le porte al conduttore. Ma sembra difficile che la cosa riuscirà ad andare a buon fine.

Un ottimo professionista ma mi risulta stiano andando avanti i colloqui con la TV di Stato

ha affermato Berlusconi.

L’opinione di Maurizio Costanzo sulla chiusura dell’Arena

Anche Maurizio Costanzo ha voluto dire la sua in merito alla spinosa questione legata alla chiusura definitiva dell’Arena.

Sulle pagine del settimanale Nuovo, ha tuonato contro questa decisione che non condivide assolutamente, data la stima che nutre per Giletti.

MI CHIEDO QUALI COLPE ABBIA MASSIMO GILETTI PER AVER PERSO UN PROGRAMMA CHE ANDAVA BENE E RENDEVA PER LA PUBBLICITÀ….

Questioni dunque di orgoglio ferito dietro l’abbandono del programma? Questo ipotizza Costanzo.

UN PROGRAMMA COME L’ARENA ERA CONGENIALE ALLE CAPACITÀ DI GILETTI. E POI SO PER CERTO CHE LUI È MOLTO LEGATO A QUEL FORMAT, TANTO CHE FACEVA UN PROGRAMMA ONESTO, CHE COINVOLGEVA MOLTO LA GENTE.

Ha aggiunto il giornalista che ha provato ad immaginare la probabile causa di questa improvvisa cancellazione.

MI VIENE DA PENSARE CHE ABBIA PESTATO I PIEDI A QUALCHE POLITICO.

Costanzo ha terminato l’editoriale con una stoccata a Cristina Parodi, la nuova conduttrice di Domenica In:

NON CREDO CHE SIA IN GRADO DI SOSTITUIRE GILETTI PER QUEL TIPO DI INFORMAZIONE.

Cosa penserà Massimo di queste parole?

CONDIVIDI