J-Ax racconta: “Mia moglie mi ha salvato dalla droga”

j-ax

E’ proprio vero: l’amore vince su ogni cosa.

J-Ax ne è una conferma vivente, come da lui dichiarato recentemente in un’intervista al Corriere della Sera.

Il suo successo con gli Articolo 31 fu repentino ed improvviso, ma fu seguito subito dopo da una rovinosa discesa.

Stare in vetta alle classifiche ed essere gli idoli delle ragazze italiane negli anni ’90 ha acuito ulteriormente la depressione dovuta al loro declino.

Fu un periodo davvero buio per il rapper milanese, che iniziò a ‘perdersi’ nell’alcool e nella cocaina.

Ma ogni tunnel ha un inizio ed una fine, e si può dire che J-Ax abbia ‘visto la luce’ in fondo al tunnel proprio grazie all’amore.

Elaina Coker, la salvezza di J-Ax

«Quand’è iniziata la discesa, mi sono ritratto nell’alcol e nella cocaina. – ha rivelato il rapper al Corriere della Sera – Sono diventato un drogato. E drogarsi è come chiedere un po’ di pace alla morte. A 29 anni mi sentivo vecchio. E mi devastavo, facevo cose folli. Venirne fuori non è stato semplice e lo devo soprattutto ad una donna: mia moglie, Elaina Coker».

J-Ax ha confidato al giornale di aver conosciuto la sua futura moglie (di origini americane) a Milano, ad una cena.

«Ho cominciato a uscire solo per vederla. Abbiamo cercato emozioni lontano dalla droga negli sport più adrenalinici:

  • Bungee-jumping: mi sono buttato con una corda dalla cascata del Toce, il secondo salto più alto d’Europa. Io davanti, mia moglie dietro.
  • Lancio con il paracadute: molto meglio.
  • tunnel del volo».

«Oggi con la droga ho chiuso (Solo un po’ d’erba, ogni tanto)».

L’amore si è trasformato in felicità: la coppia attende un figlio

Oggi il rapper milanese 44enne si prepara a diventare papà.

Elaina è in dolce attesa – ha condiviso sul suo canale social J-Ax, ricordando ai fan e soprattutto ai paparazzi che «La gravidanza è un periodo molto delicato. Qualsiasi stress può comportare seri problemi e conseguenze. Io e mia moglie, quindi, vi chiediamo di rispettare la nostra privacy».

CONDIVIDI