Italiani Made in India: ritorno alle origini

Se anche voi avete sognato, vi siete emozionati e commossi con il docu reality “Italiani Made in China”, che è arrivato alla seconda stagione, non potete assolutamente perdere il nuovo programma, in onda da Mercoledì 01 Giugno “Italiani Made in India”.

Nome diverso ma stesso “schema” del fortunato predecessore, perché si sa “ingredienti vincenti non si cambiano”.

Anche questa volta infatti faremo la conoscenza di sei ragazzi indiani di seconda generazione, nello specifico Aroti, Dolly, Gagandeep, Gagan Padda, Mandeep e Margaret.

Gli episodi (previsti otto) raccontano le loro storie, direttamente attraverso la loro voce: chi sono, dove abitano, la loro famiglia da chi è composta, ma il punto interrogativo che li accomuna è lo stesso per tutti: mi è rimasto dentro qualcosa della patria natia dei miei genitori? Se sì, cosa?Da li il desiderio di scoprirlo,ed ogni video di presentazione si chiude con la preparazione della propria valigia.

Come per i giovani protagonisti di “Italiane Made in China” anche per quelli di “Italiani Made in India” la vita ha riservato percorsi diversi: da Mandeep, giovane laureando in infermieristica, cresciuto in un tranquillo quartiere in Brianza con tutta la sua famiglia, compresi suo fratello e sua cognata, a Margaret che invece la sua famiglia naturale non l’ha mai conosciuta perché adottata da bambina ed ha trovato una seconda famiglia nella compagnia teatrale nella quale recita, finendo per esempio con la giovane Aroti adottata dopo aver perso la famiglia, ed essere cresciuta in una famiglia da cui non si sentiva per nulla amata.

Se anche voi amate le storie emozionanti non perdete “Italiani Made in India”, che vi trasporterà in uno dei più bei Paesi del mondo, dal quale non vorrete più tornare…

Da Mercoledì 01 Giugno alle 22:10 (su Real Time Canale 31)

CONDIVIDI
Articolo precedenteGomorra, don Salvatore Conte: “Vi spiego tutto sulla mia morte”
Prossimo articoloL’uomo bicentenario – il film da vedere stasera, 1 giugno
Mi chiamo Chiara, ho 27 anni e la mia più grande passione è la scrittura, che coltivo sin da quando posso ricordare. Nel tempo libero oltre a scrivere (per lo più racconti) mi piace molto anche leggere, ascoltare musica e guardare la televisione (in particolare serie tv poliziesche e programmi reality/tutorial, che trovo molto interessanti perché permettono sempre di imparare cose nuove). Infine un’altra mia grande passione sono i bambini, con i quali ho anche l’ambizione di poter lavorare o come educatrice di asilo nido (lavoro per cui sono abilitata da una laurea) o come baby sitter. Di loro mi piace soprattutto la loro genuinità ed il fatto che sono privi di filtri e che trasmettono molta allegria.