“Italia”, il nuovo programma di Santoro

santoro

In questi giorni, la Rai sta mandando in onda uno spot in cui viene mostrato il dirigibile grazie al quale Umberto Nobile decise di volare, nel lontano 1928, fino al Polo Nord.

L’intrepido Nobile battezzò il dirigibile con il nome di ITALIA.

Questa impresa, coraggiosa per l’epoca, ha ispirato gli ideatori del nuovo programma “Italia“, in onda a partire dal 5 ottobre 2016 su Rai Due.

Conduttore

Al timone di questo viaggio mediatico ci sarà – nientepopodimenoche – Santoro, ex conduttore del programma di politica Annozero.

Obiettivo del programma

Santoro sarà davvero il capitano di questo programma: suo, infatti, sarà il compito di guidarci nel viaggio attraverso il nostro Paese.

Scopo: mostrarci gli innumerevoli pregi e, ahimè, anche i numerosi difetti e le contraddizioni.

Non solo un viaggio..

Con “Italia”, Santoro parlerà in maniera approfondita del nostro Paese.

Il giornalista aveva già fatto cenno del programma in occasione della presentazione del suo documentario “Robinù” alla Mostra del Cinema di Venezia..

..ovviamente non svelandone il titolo!!

Il 5 ottobre andrà in onda la prima di 6 prime serate che realizzeremo su Rai2: quattro avranno cadenza bimestrale e saranno ambientate ognuna in una città diversa.

La prima sarà proprio da Napoli. Un racconto in diretta ma al centro ci sarà un reportage. Il titolo ancora non ve lo dico.

Le restanti due serate saranno collegate tra loro, in un formato sperimentale che si intitola ‘M’, una citazione di Fritz Lang, che richiama la “M” di Mostro ma anche quella di Michele e che proporrà un linguaggio ‘fusion’ tra talk, reportage, docufiction

Segnate, dunque, in agenda questa data: 5 ottobre 2016, ore 21:05, su Rai Due.

Non perdete questo appuntamento tutto italiano!

CONDIVIDI
Articolo precedenteSecondo appuntamento con lo show musicale condotto da Alvin
Prossimo articoloPechino Express – tutti in partenza per il Guatemala!
mm
Sono una web writer in erba ed un'aspirante copywriter. Da sempre subisco il fascino delle parole in tutte le sue forme: forse non è un caso che il mio nome (Eufemia, dal greco “ eu phemì ” = colei che parla bene) contenga un verbo che significa 'parlare, dire, raccontare, etc'. Scrivere, infatti, rappresenta una delle mie più grandi passioni assieme al canto, alla musica ed ai viaggi. Sono una vera divoratrice di pellicole cinematografiche, amo i ‘courtroom drama’ - i film che si svolgono prevalentemente nelle aule di giustizia - e tutti i thriller. Per me, attori come Al Pacino, Robert De Niro e Jack Nicholson sono mostri sacri del cinema. Le serie tv che non smetterei mai di rivedere, invece, sono ‘Gomorra’, ‘How to get away with murder’ e ‘Lie to me’ (anche se vorrei trovare il tempo per vedere ‘House of cards’ e ‘Mad Men’).