Amici 2017: la replica di Morgan a Maria De Filippi: “Io credo nella qualità e nella cultura, lei nella televisione spicciola e nel denaro”

amici

A poche ore dalle dichiarazioni di Maria De Filippi, arriva la replica dell’irriverente Morgan, in merito al suo abbandono, come  Direttore Artistico di Amici.

Amici 2017: Le ragioni di Morgan

Come sempre, in questi casi, si affidano ai social gli sfoghi, le ragioni, le motivazioni di un gesto, di una scelta e Morgan, lo fa attraverso Facebook con un lungo post, in cui spiega cosa è accaduto con la Signora della tv:

Voglio dire che sono stato offeso e trattato male, tutto qui.

Che la lite coi ragazzi è sceneggiatura televisiva ma è l’unica cosa a cui potevano appigliarsi di fronte alla paura che hanno. La loro paura è fondamentalmente basata sull’enorme divergenza di stile: io credo nella qualità, nella cultura e nella comunicazione sana e intelligente, nell’arte e nel servizio pubblico, nell’istruzione.

Loro nella televisione spicciola, nel mercato, nel denaro, nel mantenere bue il popolo e ben salde le poltrone. Hanno paura. Tutto qua

Io ho offerto loro molte proposte molto impegno e molta passione e molta professionalità loro mi hanno linciato. Un ambiente dove avviene un linciaggio è normale? No, ovviamente.

Il vero mio errore è stato credere che potessero essere genuinamente in grado di un risveglio, ma così non è stato e la mia ingenuità se la sono sbranata come han potuto. Vi ricordo che nonostante i loro disperati tentativi di massacrarmi, anche da fuori, nella gara rimango in vantaggio!!!

Forza bianchi!

Gli ho dato talmente tante assegnazioni e materiale che come canzoni possono vivere di rendita per qualche mese.

Ribadisco che non è vero delle divergenze coi ragazzi, è roba costruita, i ragazzi devono eseguire tutti i loro ordini peggio che militari. Io che so perché ci siamo guardati negli occhi e sussurrati “sono con te” non vedo l’ora di riabbracciarli quando saranno fuori dall’incubo. Fossi nei loro panni me la farei addosso letteralmente.

Morgan

Eccovi il post Facebook del cantante, ex frontman dei BluVertigo.

Amici 2017: Considerazioni

Credo che le logiche di mercato, all’interno del talent della De Filippi, ed in genere dei suoi programmi, sono più che evidenti!

Anche la scelta, per esempio di registrare lo show, e far decidere tutto agli addetti ai lavori, togliendo il televoto sovrano può portare a pensare, che decidono a tavolino chi debba arrivare nella puntata finale e quindi rimettersi al volere del pubblico.

Insomma. Se tu in un buffet, puoi scegliere ogni prelibatezza, è chiaro che la scelta sarà su molti elementi. Tuttavia, se in un Buffet (finto) ti si chiede di scegliere tra il riso e gli spaghetti, va da se che ci si accontenta. Per cui, la scelta sarà sempre “pilotata”.

A dimostrazione di questo, sono ormai moltissimi gli anni, in cui il vincitore di Amici, non diventa la star del momento – che si contendono tutti – e che in automatico, passando per Sanremo, vinca!

Quindi, io sposo assolutamente le ragioni di Morgan, d’altra parte capisco anche Maria. La presenza di Morgan, snaturava il talent, che per scelta a monte, è regno è oasi delle <BimbeMin..> per cui poco ci azzeccano con Morgan, che voleva alzare il livello del format.

Inoltre, un personaggio come Rudy Zerbi, che non perdeva occasione per pungolare Morgan, e istigarlo a reagire, fa sorgere il dubbio che ci si volesse liberare di lui, per permettere all’onnipresente Emma di tornare a rivestire quel ruolo.

CONDIVIDI