“Villetta con ospiti”, intervista esclusiva a Marco Giallini: “A scuola gli insegnanti andrebbero selezionati e vagliati allo stesso modo di chi va a votare”

L'attore Marco Giallini

Non ha davvero peli sulla lingua quando parla. Fa battute, ride e scherza con tutti come se la vita fosse una divertente commedia. Stiamo parlando dell’attore Marco Giallini, protagonista al cinema con il film “Villetta con ospiti“. Un film cinico e disincantato sulla complessità dei rapporti tra genitori e figli e sul tema dell’integrazione. Non sempre il diverso viene accettato tanto che nel film basterà uno sparo in una notte per rivelare alle persone la loro vera identità. In questa intervista, rilasciata a Superguida Tv, Marco Giallini ci ha parlato della sua esperienza sul set esprimendo il suo pensiero sul dibattuto tema politico della legittima difesa e sulla situazione della scuola. 

Intervista Esclusiva a Marco Giallini

1) Marco, cosa ci puoi raccontare di questa esperienza?

Al di là della parmigiana di melanzane preparata dalla mamma di Ivano, è difficile dire altro. Beh si stava bene sul set, nonostante De Matteo e Bebo Storti. E De Matteo prima di girare ti spiega tutto il film compresa la musica, e alla fine che gli dici? “Perfetto, cominciamo!”. E poi il mio sogno, sin da bambino, è stato sempre quello di fare vero cinema, e De Matteo di sicuro è un regista che fa cinema. 

2) Secondo te, qual è il vizio capitale che più oggi ci rappresenta?

Penso che oggi sia molto grave il non avere memoria. Una volta vidi il film Seven su questo tema anche se penso oggi stiamo leggermente meglio rispetto a quei tempi. La gente è più colta, ma questo non è un bene perché risulta più difficile comprendersi visto il modo di comunicare così elaborato. La gente è colta, ma allo stesso tempo ignorante. Credo che il vizio capitale peggiore è la presunzione di tutti di sapere sempre tutto, senza accorgersi che rompono i coglioni. Tutti parlano di tutto. Tutti dicono tutto, mentre dovrebbero stare zitti senza permettersi di giudicare sempre. C’è chi dice Giallini è una merda per come mi pongo, ma io gli rispondo chi cazzo è per dirlo. Lo spalare sempre merda sulla gente è un altro vizio capitale di oggi. 

3) Cosa saresti disposto a fare per denaro?

Nel film il mio personaggio non si è fatto problemi a sposare una donna con dei possedimenti. Io per denaro farei poco e nulla dato che non l’ho mai avuto. Io ora ho un po’ di soldi quindi li posso dare ai miei figli, ma per me al massimo mi sono comprato una bella batteria perché mi piace suonare. 

4) Nel film viene trattato il tema della legittima difesa. Come la pensi in merito?

La difesa è sempre legittima, ma nel caso del film no. Se uno ti offende gli risponde, se uno ti picchia ti difendi. Bisogna sempre vedere però il contesto. Non siamo in Texas che ci possiamo mettere a sparare, ma sono cose che accadono sempre. Credo che il fatto di suddividersi sempre le colpe porti le persone a pensare ‘io che potevo fare?’, ma se tutti lo dicono sempre allora nessuno si prende la colpa. Ognuno se la racconta nel film, cercano di dividersi il fardello per non essere il responsabile principale. Anche nella vita di tutti i giorni la colpa è sempre così frammentata e divisa che non se la prende mai nessuno. 

5) Anche la politica ha le sue colpe

La classe politica ha le sue responsabilità. Non succede solo in Italia però. Ci sono paesi che stanno peggio di noi. 

6) Come vedi gli adolescenti di oggi?

I ragazzi oggi non vanno più a scuola e questo è un problema. Dall’altro però mancano i docenti, quelli veri che parlano, che ti sbattono in faccia la vita. Gli insegnanti che quando impartiscono lezioni di greco ti guardano in faccia perché sanno bene che il greco poi nella vita non ti servirà. Bisognerebbe scegliere gli insegnanti allo stesso modo di chi va a votare. 

7) Sulla Serie Tv Rocco Schiavone, che ci dici?

Si farà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here