Il film da vedere stasera, 6 gennaio – C’era una volta in America

C’era una volta in America – Locandina

Buongiorno amici! Passata la befana da voi?? Per stasera, che ne dite di dedicarvi ad uno dei capolavori assoluti del cinema mondiale? Parliamo di C’era una volta in America (1984) di Sergio Leone (Per un pugno di dollari, Il buono, il brutto, il cattivo, C’era una volta il West) con Robert De Niro, James Woods, Tuesday Weld, Elizabeth McGovern e Joe Pesci.

Trama del film:

la pellicola narra, nell’arco di più di quarant’anni (dagli anni venti ai sessanta), le drammatiche vicissitudini del criminale David “Noodles” Aaronson (Robert De Niro) e dei suoi amici nel loro progressivo passaggio dal ghetto ebraico all’ambiente della malavita organizzata nella New York del proibizionismo e del post-proibizionismo.

Siamo nel 1968. Noodles torna a New York oramai ultrasessantenne e ritrova Moe, che gestisce ancora il suo bar. I due discutono di una strana lettera, apparentemente speditagli da un rabbino locale, in cui lo si invita a trattare il trasferimento delle salme dei suoi tre amici, trasferimento in realtà già avvenuto otto mesi prima a spese di un ignoto benefattore nel più bel cimitero della città, a Riverdale.

Noodles intuisce che la missiva costituisce il messaggio di qualcuno – probabilmente un vecchio nemico – che ha voluto fargli capire di averlo rintracciato nonostante viva sotto falso nome.

Fat Moe lo ospita per la notte nell’appartamento sopra il locale. Noodles, solo, vaga tra i ricordi. Vecchie immagini d’infanzia riaffiorano alla memoria guardando attraverso una feritoia sul muro.

Flashback al 1920: Noodles a quel tempo era un ragazzo di strada del ghetto ebraico di New York che viveva di espedienti: imbattutosi fortuitamente in un suo coetaneo, lo smaliziato Max Bercovicz che si è appena trasferito dal Bronx, iniziò con lui e gli amici Patsy, Cockeye e Dominic a formare una propria banda criminale che “non vuoleva padroni”, iniziativa per la quale si inimicarono il piccolo boss locale Bugsy.

Noodles era pazzamente innamorato della bellissima Deborah Gelly, sorella di Fat Moe. Sarà il grande amore della sua vita. Tra continui flashback e ritorni al presente, la pellicola si presta ad un finale aperto..

Appuntamento alle ore 21.15 su Rai 3. Ricordate che questo film è vietato ai piccoli…

Alcune curiosità sul film

  • Il film è stato definito da una maggioranza sempre più ampia “un capolavoro assoluto”, uno dei migliori lavori cinematografici del secolo.
  • La sceneggiatura del film è frutto di un lavoro lunghissimo che copre un arco di tempo di circa 12-13 anni.
  • Il produttore Arnon Milchan volle fare un cameo, compare infatti in una scena nei panni dell’autista di Noodles.
  • Morando Morandini nel suo Dizionario del cinema attribuisce al film un giudizio di 5 stelle, il massimo assegnabile.

Frasi memorabili

Max:

Un amico tradito non ha altra scelta: deve sparare.

Noodles, rivolto a Deborah:

Nessuno t’amerà mai come ti ho amato io. C’erano momenti disperati che non ne potevo più e allora pensavo a te e mi dicevo: Deborah esiste, è la fuori, esiste! E con quello superavo tutto. Capisci ora cosa sei per me?

Gli attori protagonisti

Robert De Niro

Robert De Niro Jr. è nato a New York, il 17 agosto 1943. Interpreta Noodles

Nato da genitori di origini italiane ed inglesi, crebbe con la madre nel quartiere di Little Italy. Senza avere neanche completato la scuola superiore, iniziò la sua folgorante carriera nel mondo del cinema, intrecciatasi per buona parte con quella di un altro “figlio” della Little Italy dell’epoca, il regista Martin Scorsese.

Attore prolifico, è generalmente considerato tra i maggiori interpreti della sua generazione, soprattutto per l’importante produzione a cavallo tra gli anni settanta e anni ottanta, in cui ebbe modo di lavorare con celebri e rinomati registi (Francis Ford Coppola, Martin Scorsese, Elia Kazan, Michael Cimino, Bernardo Bertolucci, Sergio Leone) in pellicole di enorme successo.

È stato candidato 7 volte all’Oscar, vincendolo in due occasioni (Insieme a Marlon Brando è stato l’unico attore ad aver vinto l’oscar interpretando due volte lo stesso personaggio: Don Vito Corleone).

Ha 6 figli nati da tre donne diverse. Nel 2003 gli è stato assegnato un Life Achievement Award dell’American Film Institute come riconoscimento per il proprio contributo alla storia del cinema statunitense.

James Woods

James Howard Woods è nato a Vernal, USA, il 18 aprile 1947. Interpreta Max

Il suo primo ruolo importante è in I visitatori (1972), di Elia Kazan. Recita da protagonista nel fantascientifico Videodrome di David Cronenberg (1983). Questo ruolo permette a Woods di affermarsi come interprete carismatico.

ndimenticabile la sua interpretazione di Max, nel capolavoro di Sergio Leone C’era una volta in America (1984), al fianco di Robert De Niro.

Negli anni novanta ha partecipato a film come Casinò di Martin Scorsese e Gli intrighi del potere – Nixon diretto da Oliver Stone. Da ricordare l’interpretazione del padre passivo e latitante di cinque sorelle nel drammatico Il giardino delle vergini suicide (1999) di Sofia Coppola.

James Woods ha ricevuto due nomination agli Oscar: nel 1987 come miglior attore protagonista per Salvador di Oliver Stone e nel 1996 come miglior attore non protagonista per L’agguato – Ghosts from the Past. È stato nominato 8 volte ai Golden Globe, vincendolo solamente nel 1987 per il film TV La promessa (1986). Ha vinto inoltre tre Emmy Awards.

Tuesday Weld

Tuesday Weld è nata a New York City, il 27 agosto 1943. Interpreta Carol

Nata con il nome di battesimo di Susan Ker Weld, suo padre, Lothrop Motley Weld, era il rampollo di un’importante famiglia dell’East Coast (della quale fa parte anche l’ex governatore del Massachusetts William Weld), e morì quando la piccola Susan aveva solo tre anni.

Nel 1956 fece il suo debutto sia in teatro che sul grande schermo, in una piccola parte nel film di Alfred Hitchcock Il ladro. Nel 1984 recitò in C’era una volta in America, il capolavoro assoluto di Sergio Leone. Tuttavia non riuscì mai a sfondare davvero nel mondo del cinema.

La sfortunata carriera dell’attrice dipese molto anche dalle sue scelte sbagliate o, peggio ancora, dal rifiuto di interpretare parti in pellicole che segnarono il debutto ed il lancio di altre grandi stelle del cinema.

Elizabeth McGovern

Elizabeth McGovern è nata a Evanston, USA, il 18 luglio 1961. Interpreta Deborah

Nata nell’Illinois, figlia di un’insegnante e di un professore universitario, con la famiglia si trasferisce a Los Angeles dove il padre accetta un cattedra alla UCLA.

La prima parte importante arriva nel 1980 nel quattro volte premio Oscar Gente comune di Robert Redford. L’anno seguente viene nominata all’Oscar come miglior attrice non protagonista per la sua interpretazione dell’attrice Evelyn Nesbit nel film di Milos Forman Ragtime.

Altro ruolo che l’ha resa celebre è quello di Deborah, amore segreto del gangster David “Noodles” Aaronson (interpretato da Robert De Niro), in C’era una volta in America di Sergio Leone.

Nel 1984 si fidanza con l’attore Sean Penn, sua co-star in In gara con la luna. Nel 1992 sposa il regista Simon Curtis, da cui ha due figlie.

Joe Pesci

Joseph Frank “Joe” Pesci, conosciuto come Joe Pesci è nato a Newark, USA, il 9 febbraio 1943. Interpreta Frankie

Il primo ruolo da protagonista è del 1975 in un film poliziesco a basso budget chiamato The Death Collector dove recita al fianco dell’amico Frank Vincent.

lascia il mondo dello spettacolo e torna nel Bronx per lavorare in un ristorante italiano. Qualche tempo dopo riceve una telefonata da Martin Scorsese e da Robert De Niro, rimasti colpiti dalla sua performance nel film di Ralph De Vito e gli offrono di interpretare il co-protagonista al fianco dello stesso De Niro, intitolato Toro scatenato.

Questa pellicola gli conferisce una notorietà immediata e sancisce l’inizio del sodalizio artistico tra Pesci e Robert De Niro, che continua negli anni grazie a film di grande successo come C’era una volta in America (1984), Quei bravi ragazzi (1991), Bronx (1993) e Casinò (1995). Proprio con Quei bravi ragazzi, ottiene il suo primo Oscar come migliore attore protagonista.

Trailer del film

Come alternativa, possiamo suggerirvi Neverland (2004) su Paramount Channel alle 21.10.

Fonti citate nell’articolo: Wikipedia