Il caso PISTORIUS in tv – L’intervista su Nove

Era la notte del 14 febbraio 2013 quando il mondo dello sport fu scosso da un evento orribile e raccapricciante. In quella data, proprio la notte della festa degli innamorati, l’atleta paralimpico Oscar Pistorius uccise la fidanzata Reeva Steenkamp con 4 colpi di arma da fuoco.

Il giovane si è sempre difeso dicendo di aver sparato pensando ci fossero dei ladri in casa (a Pretoria, in Sud Africa). Ora si trova in carcere accusato di omicidio volontario e dovrà scontare una pena di 6 anni.

Per tutti gli appassionati del caso e per tutti gli interessati a conoscere la storia nei dettagli, stasera Canale Nove manderà in onda “PISTORIUS – LA MIA VERITA’“. Si tratta dell’unica intervista dell’atleta rilasciata al giornalista investigativo Mark Williams-Thomas, ex agente di polizia inglese.

Attraverso questo incontro a tu per tu, ripercorreremo la vicenda giudiziaria dal 2013 ad oggi, dal momento dell’arresto a quello della condanna. Saranno introdotti elementi inediti e materiale d’archivio. Pistorius racconterà di quella triste notte, di come si sono svolti i fatti, proclamerà la sua verità.

Il doppiaggio di Pistorius è stato affidato a Stefano Crescentini, già voce di noti attori quali Jake Gyllenhaal, Robert Pattinson, Christian Bale, Edward Furlong.

La voce di Williams-Thomas sarà invece quella del doppiatore Fabrizio Pucci ( Hugh Jackman, Brendan Fraser, Russel Crowe, voce narrante in Kill Bill vol. 1 e 2, L’amore non va in vacanza, Bastardi senza gloria).

IL CASO PISTORIUS

  • 14 febbraio 2013 – di notte l’atleta spara 4 colpi di pistola attraverso la porta chiusa del bagno della sua casa a Pretoria (Sud Africa). Colpisce a morte la fidanzata Reeva Steenkamp. Viene arrestato e si difende dicendo di aver sentito rumori sospetti e di aver sparato alla ragazza scambiandola per un intruso.
  • 22 febbraio 2013 – dopo 8 giorni di carcere e alcune udienze, gli viene concessa la libertà su cauzione.
  • 3 marzo 2014 – inizia il processo.
  • 12 settembre 2014 – Pistorius viene riconosciuto colpevole di omicidio colposo (involontario).
  • 21 ottobre 2014 – viene condannato per omicidio colposo a 5 anni di carcere e a 3 per il possesso di arma da fuoco (questi ultimi sospesi con la condizionale).
  • novembre 2014 – la Procura sudafricana fa ricorso in appello contro la sentenza, ritenuta troppo “leggera”.
  • 3 dicembre 2015 – la Corte Suprema d’Appello Sudafricana accoglie il ricorso della Procura. La sentenza si ribalta: Pistorius viene ritenuto colpevole di omicidio volontario. Il caso viene rinviato a un giudice che dovrà infliggere una pena appropriata (in Sudafrica il minimo previsto per un omicidio volontario è di 15 anni). Gli avvocati difensori dell’atleta fanno ricorso e in attesa dell’inizio del processo (18 aprile 2016), sono stati concessi gli arresti domiciliari su cauzione da scontare a casa di uno zio.
  • 6 luglio 2016 – Oscar Pistorius viene condannato a (soli) 6 anni di carcere, con disappunto e sgomento di molti.

CHI E’ OSCAR PISTORIUS

Immagine correlata  Oscar Leonard Carl Pistorius è un campione paralimpico sudafricano specializzato in atletica leggera nei 400 metri piani. Nasce nel 1986 con una grave  malformazione alle gambe: i peroni sono assenti e i piedi deformati. I genitori prendono la sofferta decisione di fargli amputare entrambe le gambe all’età di 11 mesi.

Al liceo gioca a rugby e pallanuoto. In seguito ad un infortunio inizia a praticare l’atletica leggera, prima per riabilitazione, poi per scelta. Partecipa alle Paralimpiadi di Atene nel 2004 a 17 anni: vince la medaglia di bronzo nei 100 metri e la medaglia d’oro nei 200 metri. Riesce a superare anche gli atleti amputati singoli, ritenuti più avvantaggiati di lui, amputato bilaterale.

Nuove medaglie anche nelle Paralimpiadi di Pechino nel 2008: oro nei 100 metri, oro nei 200 metri e ancora oro nei 400 metri. Stabilisce un nuovo record mondiale.

Pistorius corre con particolari protesi in fibra di carbonio, soprannominate “cheetah”, ossia ghepardo.

Per la sua velocità gli vengono attribuiti due appellativi: “The fastest man on no legs” (l’uomo più veloce senza gambe) e “Blade Runner” (film del 1982 interpretato da Harrison Ford).

CHI ERA REEVA STEENKAMP

Immagine correlata  Reeva Rebecca Steenkamp era una modella sudafricana laureata in diritto. Nasce nel 1983 e muore a 30 anni la notte del 14 febbraio 2013 per mano del fidanzato Oscar Pistorius.

Era appassionata di auto, cucina e libri. Ha riempito diverse copertine di note riviste ed è stata il primo volto per Avon (azienda produttrice di cosmetici e profumi) in Sud Africa.

Era considerata una delle 100 donne più sexy del pianeta.

Oscar e Reeva si erano conosciuti nel 2012 a South Africa’s Sports Awards, un evento che si svolge annualmente per premiare gli sportivi. La loro storia di amicizia iniziale si è trasformata poi in amore…. fino al triste epilogo che tutti noi conosciamo.

E questa sera il campione si confesserà, ci racconterà la sua verità.

Non perdetevi quindi l’appuntamento con PISTORIUS – LA MIA VERITA’, alle 21.15 su Nove.